Undp: rischio estremo per 9 afgani su dieci

Fino al 97 per cento della popolazione può  sprofondare al di sotto della soglia di povertà. L'ultimo rapporto del Programma Onu per lo sviluppo

L’Afghanistan è sull’orlo di una povertà estrema e diffusa. Secondo una rapida valutazione pubblicata ieri dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp), fino al 97 per cento della popolazione rischia di sprofondare al di sotto della soglia di povertà a meno che non venga lanciata con urgenza una risposta alla crisi politica ed economica del Paese. Lo studio, che ha analizzato quattro potenziali scenari di crescente intensità e isolamento, indica che il Pil reale potrebbe contrarsi fino al 13,2 per cento, portando a un aumento del tasso di povertà fino a 25 punti percentuali. Lo scenario peggiore è disegnato  da un’interruzione di due mesi degli scambi con tutti i principali partner, una diminuzione del 4% dell’efficienza della spesa in conto capitale e interruzioni della connettività. Secondo la valutazione del rapporto, questa combinazione di fattori potrebbe far aumentare il tasso di povertà di base, ora al 72%.

Oltre a una prolungata siccità e agli effetti della pandemia di COVID-19, l’Afghanistan sta affrontando gli sconvolgimenti causati dall’attuale transizione politica: riserve estere congelate, crollo delle finanze pubbliche, aumento della pressione sul sistema bancario e aumento della povertà. In risposta, l’Undp propone un pacchetto di interventi volti a migliorare le condizioni di vita immediate delle persone e delle comunità più vulnerabili, dando priorità alla salvaguardia dei diritti delle donne e delle ragazze. Il pacchetto si concentra su servizi essenziali, mezzi di sussistenza locali, reddito di base e piccole infrastrutture e mira a sostenere quasi nove milioni di persone vulnerabili attraverso un programma di sviluppo comunitario di 24 mesi.

(Red/Est)

In copertina foto di Mohammad Rahmani

Tags:

Ads

You May Also Like

La fuga dei Rohingya

Non si ferma la violenza nei confronti dei Rohingya del Myanmar. La popolazione a maggioranza ...

Usa-Cina: Hong Kong occhio del ciclone

La prima vittima delle proteste sociali di autunno 2019 è stata la "balcanizzazione" di internet

di Maurizio Sacchi Che succede sul fronte cinese della guerra commerciale, mentre l’attenzione del ...

Madrid: allarme rosso per il clima

i grandi inquinatori bloccano ogni accordo. Ma una svolta virtuosa non è un'utopia

“Ho partecipato a questi negoziati sul clima da quando sono iniziati nel 1991. Ma ...