Urne aperte in Nicaragua

Daniel Ortega alla ricerca del quarto mandato in una corsa elettorale viziata da un "asfissiante stato di polizia", esacerbato dal Governo di Managua proprio in vista dell'appuntamento elettorale.

di Gianni Beretta

Proibiti gli osservatori internazionali alle elezioni in Nicaragua; potranno assistere solo “accompagnatori” rigorosamente selezionati dal regime di Daniel Ortega, che si è proposto per il quarto mandato presidenziale consecutivo. Tantomeno ci saranno inviati dei media stranieri che pure numerosi avevano sollecitato un accredito mai ricevuto. Mentre la stampa nicaraguense indipendente è stata via via costretta in carcere o ad operare nella clandestinità (e dall’esilio) dopo la clamorosa rivolta popolare dell’aprile 2018. Quella ribellione spontanea partita soprattutto da giovani studenti (i “nipoti” del general de hombres libres Sandino) che si prolungò per mesi e repressa nel sangue di almeno 328 di loro. Col “fu” comandante de la revoluciòn Ortega a spacciarla maldestramente per un tentato golpe esterno.

Da allora in Nicaragua vige un asfissiante stato di polizia che l’avvicinarsi dell’appuntamento elettorale non ha fatto che esasperare. Sono state varate leggi nell’ultimo anno, escogitate dall’esoterica vicepresidente Rosario Murillo (nonché consorte di Ortega), che hanno relegato in un’arbitraria illegalità qualsiasi forma di dissenso. Introducendo per esempio il reato di “tradimento alla patria”, perseguendo le ong locali sostenute da “agenti stranieri” e abbinando infine assurde accuse di riciclaggio di denaro. Col risultato di azzerare la residua dinamica politica, oltre che ciò che rimaneva di società civile organizzata.

Così che a partire dal giugno scorso tutti e sette gli aspiranti candidati presidenziali (di varia estrazione politica) sono stati incarcerati (o sottoposti agli arresti domiciliari) mentre tre partiti sono stati messi al bando. Gli uni e gli altri sostituiti da fantocci di comodo al servizio dell’orteguismo. Sono finiti dentro, a mo’ di avvertenza, anche alcuni esponenti (minori) dell’oligarchia imprenditoriale locale con la quale Ortega aveva sottoscritto un patto all’insegna dell’arricchimento esentasse, cui il suo clan si è sommato.

Ma un particolare accanimento è stato riservato a quei dirigenti sandinisti che già all’indomani della sconfitta elettorale del ’90 furono tagliati fuori dal delirio di potere del sempiterno segretario e candidato del Fronte Sandinista, perché impegnati nella difesa del sistema democratico propiziato dalla rivoluzione stessa e dunque intenzionati a riconquistare la guida del paese per la via delle urne.

Primo fra tutti lo scrittore Sergio Ramirez, premio Cervantes, dal primo giorno vice di Ortega per tutta la durata del governo rivoluzionario; e dal settembre scorso rifugiatosi a Madrid per sfuggire a un mandato di cattura per “incitamento all’odio” formulatogli a Managua dopo la censura del suo ultimo romanzo in cui racconta la rivolta di tre anni fa. Come lui fra Spagna e Usa ha trovato riparo la nota letterata Gioconda Belli. Mentre ben prima i cantautori Luis Enrique e Carlos Mejia Godoy, simboli dell’epopea rivoluzionaria, avevano dovuto fuggire nel vicino Costarica (insieme a decine di migliaia di nicaraguensi).

In alternativa il loro destino sarebbe stato quello di finire in isolamento nelle galere orteguiste senza processo insieme ad altri 159 dissidenti, dei quali una quarantina imprigionati negli ultimi tre mesi: fra essi la mitica comandante Dora Maria Tellez, o l’ex generale dell’esercito sandinista Hugo Torres la cui audace operazione con scambio di ostaggi permise la liberazione dello stesso Ortega dalle segrete della dittatura somozista.

Al bando ci sono finiti pure i membri sopravvissuti della storica Dirección Nacional rivoluzionaria, compreso l’ex ministro della difesa generale Humberto Ortega, fratello di Daniel; che non si sarebbero certo immaginati che il primus inter pares da loro scelto per l’apparente “modestia” politico-intellettuale si convertisse in tiranno. Solo uno di loro è rimasto al suo fianco. Da ultimo l’ex direttore di Barricada (un tempo organo ufficiale del Fronte Sandinista) Carlos Fernando Chamorro, oggi a capo di Confidencial che confeziona sul web ogni giorno dal Costarica grazie alla fitta rete sotterranea di informazioni digitali dal Nicaragua. Più clemente per lui l’esilio forzato, da figlio quale era di quel Pedro Joaquin Chamorro che il tiranno Somoza fece ammazzare da direttore del quotidiano d’opposizione La Prensa.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Per non parlare delle numerosissime vittime “meno in vista”, come la dozzina di difensori di ambiente e territorio ammazzati nell’ultimo anno nelle zone indigene del paese dove imperano gli espropri e la deforestazione.

Il tutto nella più totale impunità e indifferenza per un Paese che aveva fatto la storia e oggi irrilevante, dimenticato o rimosso, se non fosse per qualche rituale scomunica o sanzione ad personam da parte della comunità internazionale. Pur tuttavia figure carismatiche della sinistra mondiale come Noam Chomsky, Margaret Randall o l’ex guerrigliero ed ex presidente dell’Uruguay Pepe Mujica (per citarne alcune) hanno preso nettamente le distanze dalla coppia presidenziale nicaraguense. Come a ratificare che la presunta “seconda tappa della rivoluzione” intrapresa da Ortega nel 2007 non era altro che un’illusione.

Si tratta dunque di una tragica farsa elettorale, priva di una qualsiasi affidabilità nei numeri e dall’esito annunciato. Gli oppositori hanno potuto solo fare appello a restare a casa. Già nelle ultime consultazioni del 2016 i seggi della capitale non avevamo registrato le lunghe code delle volte precedenti. Eppure il governo allora notificò oltre il 70% di affluenza. Ma oggi, nonostante tenga sotto ricatto in toto i dipendenti pubblici, ha dovuto preoccuparsi di dichiarare ben quattro giorni di festa, di ridurre il numero dei seggi e di estendere il diritto di voto anche nel caso si sia privi di un documento d’identità valido.

Il tutto in un Paese dove il 70% della popolazione è relegato nell’economia informale; e mentre il coronavirus continua a fare strage convertendo il Nicaragua nello stato latinoamericano meno vaccinato (dopo Haiti); con i beneficiati (i più fedeli al regime) che non arrivano neppure alle due cifre. Alla faccia della gratuità ed efficienza vantata dal suo sistema sanitario.

Photo credits: Karen, Managua via Flickr

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Bavaglio in Burundi

Il nuovo direttore dell’unico media pubblico radiotelevisivo è Eric Nshimirimana, già capo di una milizia accusata di abusi e stupri. La panoramica di un Paese vittima di violenza e censura

Fare e ricevere informazione è sempre più complicato in Burundi. Il piccolo Paese africano ...

Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, X edizione

Esce il nuovo volume cartaceo. Da domani nelle librerie italiane

L’Associazione Culturale 46° Parallelo e la redazione di Atlante delle Guerre e dei Conflitti ...

Palestina: il dramma dei minori detenuti da Israele. L’inchiesta di Samar Hazboun

“Detenuti: testimonianze di bambini palestinesi imprigionati da Israele” e’ una inchiesta realizzata da Samar ...