Alta tensione in Etiopia

Due uccisioni eccellenti in poche ore. Il governo accusa "forze malvage" dietro a un fallito golpe

La tensione è altissima in queste ore in Etiopia  anche se il governo sostiene che la situazione è sotto controllo dopo una serie di arresti che sono seguiti all’uccisione del  capo di stato maggiore  dell’esercito etiope, generale Seare Mekonnen, e del governatore regionale dell’Amhara –  Ambachew Mekonnen – dove c’è stato un tentativo di golpe.

Seare Mekonnen è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco dalla sua stessa guardia del corpo nella capitale, Addis Abeba. Con lui è stato ucciso un generale che si era recato a fargli visita. Era a capo della forze di difesa nazionale e responsabile dell’amministrazione e del controllo operativo dell’esercito. Secondo quanto riferito dal premier  Abiy Ahmed, quanto è avvenuto è da imputare al tentativo di impedire un  colpo di stato contro l’amministrazione nella regione settentrionale dell’Amhara. Ed è  nella stessa regione dell’ Amhara, che il governatore regionale Ambachew Mekonnen è stato ucciso insieme a un consigliere. Il primo ministro è andato in TV per esortare gli etiopi a unirsi di fronte alle forze “malvagie” che hanno deciso di dividere il Paese.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Etiopia: dietro il golpe fallito

Sventato il colpo di Stato restano da analizzare le motivazioni. Tra queste le rivendicazioni degli Ahmara e le riforme del primo ministro Abiy Ahmed. Una panoramica

Un’emergenza che pare rientrata ma che fa riflettere sulla situazione di un Paese che ...

Colpire dal cielo. In segreto

La Cia sta preparando una nuova base aerea in Africa per dare la caccia agli islamisti in Libia con aerei senza pilota. Carta bianca dal presidente. Una rivelazione del New York Times

La Cia si sta preparando a condurre attacchi segreti con droni contro qaedisti e ...

Tempesta sullo stretto

Un video iraniano che mostra la petroliera britannica sequestrata innesca nuove polemiche. E gli Usa reagiscono

Il Corpo dei guardiani della rivoluzione iraniana (IRGC) ha pubblicato un filmato che mostra ...