Alta tensione in Etiopia

Due uccisioni eccellenti in poche ore. Il governo accusa "forze malvage" dietro a un fallito golpe

La tensione è altissima in queste ore in Etiopia  anche se il governo sostiene che la situazione è sotto controllo dopo una serie di arresti che sono seguiti all’uccisione del  capo di stato maggiore  dell’esercito etiope, generale Seare Mekonnen, e del governatore regionale dell’Amhara –  Ambachew Mekonnen – dove c’è stato un tentativo di golpe.

Seare Mekonnen è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco dalla sua stessa guardia del corpo nella capitale, Addis Abeba. Con lui è stato ucciso un generale che si era recato a fargli visita. Era a capo della forze di difesa nazionale e responsabile dell’amministrazione e del controllo operativo dell’esercito. Secondo quanto riferito dal premier  Abiy Ahmed, quanto è avvenuto è da imputare al tentativo di impedire un  colpo di stato contro l’amministrazione nella regione settentrionale dell’Amhara. Ed è  nella stessa regione dell’ Amhara, che il governatore regionale Ambachew Mekonnen è stato ucciso insieme a un consigliere. Il primo ministro è andato in TV per esortare gli etiopi a unirsi di fronte alle forze “malvagie” che hanno deciso di dividere il Paese.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

I giorni della locusta

Le sicurezza alimentare di 20milioni di persone sta subendo gli effetti di una combinazione tra il conflitto dello Yemen e il cambiamento climatico, che sono alla base degli anormali sciami degli insetti

di Elia Gerola Gli Stati del Corno d’Africa sono soggetti alla più grave invasione ...

Torna la protesta in Sudan

Manifestazioni a un anno dalla firma dell'accordo per la condivisione del potere tra militari e rappresentanti del movimento per la democrazia. Disperse dalla polizia

A un anno dalla firma di un accordo per la condivisione del potere tra ...

Genocidio in Libia

Un libro tra attualità e memoria di Eric Salerno: "Oggi, quaranta anni dopo, l’Italia  finanzia i nuovi campi che raccolgono migliaia di migranti africani e non solo, scappati dai loro paesi e alla ricerca di una vita migliore"

Per gentile concessione dell’autore e della manifestolibri pubblichiamo un estratto dall’introduzione a “Genocidio in ...