Ancora sangue in Burkina Faso

Almeno 50 le vittime di un attacco jihadista nel villaggio di Seytenga, nel Nord del Paese

L’attacco lo hanno portato gli jihadisti: i morti rimasti sul terreno sono 50. Tutti civili, donne, uomini, bambini, uccisi nel villaggio di Seytenga, nel Nord del Burkina Faso. È successo – dice il portavoce del Governo, Lionel Bilgo – nella notte fra sabato e domenica.

A trovare i cadaveri è stato l’esercito. Si teme, comunque, che il bilancio possa aggravarsi, che molte persone siano state trascinate via e giustiziate altrove. Il villaggio di Seytenga era già stato teatro di combattimenti la scorsa settimana. Erano morti 11 gendarmi. L’attacco aveva scatenato un’operazione militare e l’esercito aveva dichiarato di aver neutralizzato circa 40 jihadisti.
Questo eccidio, ha ammesso Bilgo, potrebbe essere la “ritorsione contro le azioni dell’esercito. Il Paese è stato colpito, ma le forze armate stanno facendo il loro lavoro”.

Un dramma che segna lo scorrere del tempo: da sette anni il Burkina Faso lotta contro la piaga jihadista, soprattutto nel Nord e nell’Est del Paese. Sinora sarebbero almeno 2.000 i morti. Gli sfollati per sfuggire alle violenze sono circa 1,9 milioni.

Tags:

Ads

You May Also Like

Kosovo vs Serbia. Gli schiaffi di Kurti

Pristina vuole chiedere a Belgrado l'assunzione di responsabilità per i crimini di guerra commessi nel 1999 con relativi risarcimenti. La svolta dura del neo premier

di Raffaele Crocco Certamente Albin Kurti non ha creato le condizioni per il dialogo, ...

Etiopia: dietro il golpe fallito

Sventato il colpo di Stato restano da analizzare le motivazioni. Tra queste le rivendicazioni degli Ahmara e le riforme del primo ministro Abiy Ahmed. Una panoramica

Un’emergenza che pare rientrata ma che fa riflettere sulla situazione di un Paese che ...