Ancora sangue in Burkina Faso

Almeno 50 le vittime di un attacco jihadista nel villaggio di Seytenga, nel Nord del Paese

L’attacco lo hanno portato gli jihadisti: i morti rimasti sul terreno sono 50. Tutti civili, donne, uomini, bambini, uccisi nel villaggio di Seytenga, nel Nord del Burkina Faso. È successo – dice il portavoce del Governo, Lionel Bilgo – nella notte fra sabato e domenica.

A trovare i cadaveri è stato l’esercito. Si teme, comunque, che il bilancio possa aggravarsi, che molte persone siano state trascinate via e giustiziate altrove. Il villaggio di Seytenga era già stato teatro di combattimenti la scorsa settimana. Erano morti 11 gendarmi. L’attacco aveva scatenato un’operazione militare e l’esercito aveva dichiarato di aver neutralizzato circa 40 jihadisti.
Questo eccidio, ha ammesso Bilgo, potrebbe essere la “ritorsione contro le azioni dell’esercito. Il Paese è stato colpito, ma le forze armate stanno facendo il loro lavoro”.

Un dramma che segna lo scorrere del tempo: da sette anni il Burkina Faso lotta contro la piaga jihadista, soprattutto nel Nord e nell’Est del Paese. Sinora sarebbero almeno 2.000 i morti. Gli sfollati per sfuggire alle violenze sono circa 1,9 milioni.

Tags:

Ads

You May Also Like

Annessioni: il rifiuto dell’Onu

La reazione del Segretario Generale ancor prima che la Russia procedesse all'incorporazione dei quattro Oblast ucraini. Ieri la discussione al CdS dove Mosca usa il veto. Resoconto dal Palazzo di Vetro

di Gianna Pontecorboi da New York A far capire la tensione che l’annessione forzata ...

Zimbabwe: elezioni tra sospetti e scontri

Il partito Zanu-Pf rivendica la vittoria ma l'opposizione non ci sta e scende in piazza: bilancio di sangue per le prime elezioni dopo Mugabe

di Alice Pistolesi Il vincitore non è ancora ufficiale ma almeno una parte della ...

Atlante delle Guerre, X edizione (Ultimo giorno del Crowfunding)

La campagna di raccolta fondi per la realizzazione del nuovo volume. Fino al 30 maggio, tante occasioni per donare, ottenere ricompense e sostenere il giornalismo indipendente