Approvata la legge per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e submunizioni a grappolo

Comunicato stampa dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra

(Roma, 03 ottobre 2017) – Dopo un lunghissimo e travagliato iter durato 7 anni e due
legislature, è stata finalmente approvata oggi dalla Camera in via definitiva la legge per
contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e
submunizioni a grappolo, con un consenso praticamente unanime (389 favorevoli su 393
presenti 0 contrari 3 astenuti).
La legge, a prima firma della Senatrice Silvana Amati, si ricollega alla Convenzione di
Oslo che indica, tra le attività penalmente perseguibili, il supporto finanziario a produzione,
stoccaggio commercio ed uso delle bombe a grappolo (cluster).
La legge prevede il divieto degli investimenti finanziari a favore di industrie che –
direttamente o avvalendosi di società controllate o collegate – svolgono attività di
costruzione, sviluppo, assemblaggio, riparazione, conservazione, ricerca tecnologica,
utilizzo, stoccaggio, detenzione, promozione, vendita, distribuzione, importazione,
esportazione e trasporto di mine anti-persona e di munizioni a grappolo o anche solo di
parti di esse.
Per rendere effettivo questo divieto, la legge prevede dei controlli periodici da parte di
organismi di vigilanza, ponendo così l’Italia in una posizione di avanguardia nella lotta
contro queste micidiali armi.
Questa legge, promossa da Campagna Italiana Contro le Mine e fortemente sostenuta
dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, ha avuto l’appoggio di tutte le forze
politiche ma anche di moltissime persone comuni, come testimoniano le 10 mila adesioni
all’appello on line “NoMoney4Bombs”.
L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, da sempre vicina alla tematica e
fortemente impegnata sull’argomento, esprime grande soddisfazione per questo voto:
«Siamo molto felici che la proposta della Sen. Amati, alla quale va il mio e il nostro
ringraziamento, sia stata finalmente votata favorevolmente alla Camera» ha detto
Giuseppe Castronovo, il Presidente Nazionale dell’ANVCG, che ha poi sottolineato come
l’Associazione «da sempre sia impegnata nella lotta contro gli ordigni bellici inesplosi e le
mine antipersona».
L’ANVCG infatti ha partecipato attivamente anche alla campagna per la ratifica in Italia
della Convenzione di Ottawa contro le mine antipersona alla fine degli anni ’90 e in questi
ultimi anni si sta facendo promotrice di numerose campagne e iniziative – sia in Italia che
in campo internazionale – per la difesa delle popolazioni civili dagli ordigni di natura
bellica.
INFORMAZIONI GENERALI
Secondo il rapporto “Worldwide investements in cluster munitions a shared responsability”
2017 dall’associazione PAX (ONG con sede nei Paesi Bassi membro della Cluster
Munition Coalition), 31 miliardi di dollari di investimenti sono stati accordati

principalmente a sei aziende che producono munizioni a grappolo. Tra le sei, due società si
trovano in Cina (Cina Aerospace Science and Industry e Norinco), due in Corea del Sud
(Hanwha e Poongsan) e due negli Stati Uniti (Orbital ATK e Textron).

Tags:

Ads

You May Also Like

Bassa affluenza e 400 attentati nel voto afgano

Meno di un quarto degli aventi diritto ho potuto (e voluto) scegliere il nuovo presidente. E le accuse di brogli sono già iniziate

Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana Meno di un quarto  degli oltre nove milioni e ...

Honduras: parte una nuova carovana

In fuga dalla violenza delle maras. Incidenti alla frontiera. Il ruolo del Messico

Il 15 di gennaio, una carovana di qualche centinaio di migranti provenienti da San ...

Il Paese dove è vietato crescere

Il dramma della guerra in Yemen: Save the Children chiede un’inchiesta indipendente immediata sui recenti attacchi ai civili

  I genitori  hanno seppellito oggi in Yemen propri cari  dopo che un raid ...