Armamenti, l’Europa guida la classifica

Gli ultimi dati del Sipri di Stoccolma sul commercio internazionale di armamenti

Se il commercio internazionale di armi  ha registrato un leggero calo tra il 2012-16 e il 2017-21 (–4,6%) le esportazioni di Stati Uniti e Francia sono aumentate notevolmente, così come le importazioni verso Stati in Europa (+19%), Asia orientale (+20%) e Oceania (+59%). I trasferimenti verso il Medio Oriente sono rimasti elevati, mentre quelli verso l’Africa e le Americhe sono diminuiti. Lo dicono i nuovi dati pubblicati in marzo dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI).

Secondo  Pieter D. Wezeman, ricercatore senior del programma SIPRI per i trasferimenti di armi: “Mentre ci sono stati alcuni sviluppi positivi, tra cui le importazioni di armi dal Sud America che hanno raggiunto il livello più basso degli ultimi 50 anni, l’aumento o il mantenimento di tassi elevati di importazioni di armi in luoghi come l’Europa, l’Asia orientale, l’Oceania e il Medio Oriente hanno contribuito ad aumentare l’accumulo di armi. ‘

La maggiore crescita delle importazioni di armi  si è verificata in Europa, spiega ancora una sintesi dell’ultimo rapporto. Nel 2017-21 le importazioni di armi da parte degli Stati europei sono state del 19% superiori rispetto al 2012-16 e hanno rappresentato il 13% dei trasferimenti globali di armi. I maggiori importatori di armi in Europa sono stati il Regno Unito, la Norvegia e i Paesi Bassi. Si prevede che anche altri Stati europei aumenteranno in modo significativo le loro importazioni di armi nel prossimo decennio, avendo recentemente effettuato ingenti ordini per le principali armi, in particolare aerei da combattimento dagli Stati Uniti. E’ ora facile immaginare, aggiungiamo noi, che dopo la decisione dei Governi europei di inviare armi in Ucraina e, soprattutto, di aumentare il budget della Difesa, le vendite e gli acquisti vedranno un balzo in avanti.

Nei prossimi giorni torneremo sui dati del Sipri con un dossier dedicato

Vai al nostro dossier Frontex

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Migranti, sono cose turche

di Andrea Tomasi L’Ue stanzierà 56 milioni di euro di aiuti alla Grecia per ...

Germania e crisi Ucraina: anello debole o esempio?

Mentre cresce la tensione l’appello all’unità della Nato non trova la risposta compatta che oltre Oceano si attendeva

di Maurizio Sacchi Il capo della Marina tedesca, il vice-ammiraglio Kay-Achim Schoenbach, ha lasciato ...

Silvia libera: una vittoria per tutti

La cooperante italiana 25enne era stata rapita in Kenya. Ora aspettiamo il suo rientro in Italia.

Silvia Romano è libera! Lo scriviamo con una gioia incredibile. Silvia, cooperante italiana in ...