Boko Haram. Strage in Nigeria

Boko Haram rivendica tre raid nello Stato nordoccidentale di Borno. Oltre cento le vittime

Boko Haram  ha rivendicato  due attacchi sabato scorso nello Stato nigeriano nordoccidentale di Borno in cui sono stati uccisi  almeno 20 soldati e più di 40 civili e ferito altre centinaia di persone. Lo riferisce l’agenzia Reuters sulla base di testimonianze locali. Gli attacchi di quello che si è autodefinito Provincia dell’Africa occidentale dello Stato Islamico (Iswap),sono avvenuti nelle aree di  Monguno e Nganzai, a pochi giorni di distanza dall’attacco al villaggio di Gubio – anch’esso rivendicato da Iswap – dove sono morte almeno 69 persone in un raid degli islamisti.

Due operatori umanitari e tre residenti hanno riferito a Reuters che i militanti armati di armi pesanti, compresi  lanciarazzi, sono arrivati ​​a Monguno, un hub per le organizzazioni internazionali non governative, all’incirca alle 11 del mattino di sabato ora locale. A nulla è servita la resistenza delle  forze governative. Hanno poi riferito che centinaia di civili sono rimasti feriti nel fuoco incrociato, che ha travolto l’ospedale locale e costretto diversi  feriti a rimanere fuori dalla struttura in attesa di aiuto.

Secondo le testimonianze, i militanti hanno anche dato fuoco alla stazione di polizia locale e bruciato l’hub umanitario delle Nazioni Unite nell’area, anche se un portavoce Onu  ha dichiarato che la struttura ha subito solo lievi danni. I combattenti hanno distribuito volantini ai residenti, nella lingua locale Hausa, avvertendoli di non lavorare con i militari, gli occidentali cristiani bianchi o altri “non credenti”.

Nella foto di copertina soldati nigeriani con armi pesanti. La mappa è di Wikipedia 

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Italia in piazza contro la guerra

Ma dalla manifestazione di Roma la Cisl si sfila. E a Ghedi Pax Christi non aderisce alla mobilitazione davanti alla base Nato che custodisce bombe nucleari

dall’inviato Emanuele Giordana Ghedi (Brescia) – Oggi a Roma  alle  13.30 da piazza della ...

La guerra dell’acqua di Daniel Ortega

L'ex comandante rivoluzionario vuol far soldi privatizzando un bene primario. E spunta un aiuto dall'Italia

L’eredità della guerra in Laos

I laotiani non possono dimenticare il conflitto nel Vietnam degli anni Settanta che li coinvolse facendo diventare la loro terra il Paese più bombardato al mondo. Un passato che pesa ancora. Reportage

Dal nostro inviato nel Sudest asiatico Emanuele Giordana Nong Khiaw (Nord Laos) – Da Nong ...