Ancora bombe turche sui curdi

La Turchia ha ripreso i raid aerei bombardando il Kurdistan iracheno. La denuncia del Centro Kurdo per i diritti umani

La Turchia ha ripreso i raid aerei in Irak  bombardando località del Kurdistan iracheno. Lo scrive in un comunicato il Centro Kurdo per i diritti umani. I raid sarebbero iniziati nelle prime ore del 15 giugno e una sessantina di caccia turchi avrebbero bombardato oltre 80 località a Makhmour, Sinjar,, Qandil,  Zap e Xakurk. Secondo il Centro i bombardamenti sono avvenuti in aree abitate prevalentemente da civili e campi profughi.

La Turchia sta sostanzialmente  intensificando la sua occupazione di terre siriane e irachene. Ankara – dice ancora il comunicato del Centro –  vuole rendere permanente la sua occupazione del Rojava (Siria settentrionale) e del Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale) proprio come ha fatto a Cipro nel 1974…sta attaccando le aree liberate del Rojava per impedire qualsiasi tipo di status per i curdi anche se i raid turchi hanno colpito  territori che i curdi hanno liberato da organizzazioni terroristiche come Al Qaeda, Al Nusra e Isis.

Il bombardamento del 15 giugno scorso, sostiene il Centro,  faceva parte di un piano precedentemente elaborato dal  capo dell’intelligence turca, Hakan Fidan, che ha visitato segretamente l’Iraq l’11 giugno dove ha discusso dell’attacco sia con il governo federale sia con il governo regionale del Kurdistan. Entrambi i governi però non si sono ancora pronunciati sull’attacco. Secondo il Centro la Coalizione internazionale contro l’Isis  e la Russia sarebbero state informate preventivamente dell’attacco. Il loro silenzio e il fatto che non si siano opposti all’uso dello spazio aereo iracheno – conclude il Centro – ne sarebbe la conferma indiretta.

Uno dei luoghi bombardati è il campo profughi di Makhmour, che si trova a 60 chilometri da Erbil e ospita 15.000 civili. Le persone che vivono nel campo sono rifugiati che sono fuggiti dalla Turchia negli anni Novanta dopo che i loro villaggi sono stati distrutti. Il campo è stato istituito dalle Nazioni Unite nel 1998.

(Red/Est)

In copertina una caccia F-16 turco. Foto di SAC Helen Farrer

Tags:

Ads

You May Also Like

“L’Amazzonia è di tutti”. La soluzione del G7

I “Sette Grandi” riunti a Biarritz stanziano 20 milioni per contrastare gli incendi. Nell'agenda del summit anche Iran, sanzioni e accordi commerciali

di Lucia Frigo Si chiude oggi il G7 di Biarritz: come ogni anno, i ...

Nuove sanzioni a Caracas ma nessuna spallata

Il vicepresidente Usa Pence promette l’inasprimento delle misure contro il  Venezuela dove sono solo poche decine i militari che hanno disertato. In azione paramilitari di entrambe le parti sui due lati del confine con la Colombia

di Maurizio Sacchi Alla fine di un  week-end  di sangue, veleni, concerti, gas lacrimogeni ...

Vendetta turca

di Andrea Tomasi La paura e il terrore funzionano sempre, anche nella Turchia del ...