Tempesta sul Niger (aggiornato)

L'Ecowas prepara una standby force

Giovedi 10 agosto i 15 membri dell’ Ecowas, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, si sono incontrati ad Abuja in Nigeria e hanno poi reso noto che tutte le opzioni, dalle sanzioni al divieto di viaggio sino all’uso della forza, sono state messe sul  tavolo per ripristinare l’ordine costituzionale in Niger dopo il colpo di Stato del 26 luglio e hanno pertanto ordinato l’attivazione di una standby force. Il vertice di emergenza tiene il punto ma prende comunque tempo dopo che la precedente minaccia di usare la forza per ripristinare la democrazia in Niger è stata ignorata

Victoria Nuland, Vice segretario di stato ad interim degli Stati Uniti, ha visitato il Niger per spingere le autorità golpiste a ripristinare il regime democratico dopo il rovesciamento del Presidente Mohamed Bazoum in luglio. L’inviata di Washington  ha dichiarato che il 7 agosto ha avuto colloqui “franchi e difficili” con il leader militare Moussa Salaou Barmou e tre dei suoi colonnelli nella capitale del Niger, Niamey. È stato il primo viaggio di un funzionario statunitense nel Paese dal golpe militare del 26 luglio. Ha colpito che la Nuland non abbia incontrato il leader dei golpisti, generale Abdourahamane Tchiani.

Il 7 agosto, mentre stava per scadere l’ultimatum che da ieri notte potrebbe precludere a un intervento armato dell’Ecowas, il governo militare del Niger ha chiuso lo spazio aereo del Paese dopo aver respinto la minaccia degli Stati dell’Africa occidentale che vogliono  reintegrare il Presidente deposto Mohamed Bazoum e che altrimenti rischiano un intervento militare su cui però non c’è unanimità. La decisione è stata annunciata nella tarda serata di domenica mentre decine di migliaia di sostenitori del nuovo governo golpista si sono riuniti nello stadio nella capitale Niamey a sostegno dei militari che hanno preso il potere col nome di  Consiglio nazionale per la salvaguardia della patria (Cnsp) guidato dal generale Abdourahamane Tchiani.

Se al momento l’ipotesi dell’intervento appare congelata per l’opposizione netta di alcuni membri (come l’Algeria) e la presa di distanza dei senatori della Nigeria (il Paese più bellicoso), I leader dell’Africa occidentale si sono dati appuntamento per un incontro il prossimo  giovedì per discutere del dossier Niger salito alla ribalta dopo il golpe militare del 26 luglio e dopo che Niamey ha sfidato l’Ecowas ignorando platealmente la minaccia di un intervento militare al fine di reinsediare il Presidente legittimamente eletto estromesso dai militari.

Aggiornato alle 19 ora italiana del 10 agosto 2023

Leggi l’intervista a Francesco Tamburini dell’Università di Pisa sulla cultura della militarizzazione del Sahel

(Red/Est)

Nella foto in copertina, soldati nigerini © BOULENGER Xavier/Shutterstock.com

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Diritti e cinema: Festival di Napoli al via

Prende il via oggi l’edizione numero nove del Festival dei Cinema dei Diritti Umani ...

Thailandia: riparte il dialogo con la guerriglia

Governo e combattenti islamici  tornano al tavolo negoziale.Mentre Bangkok ordina nuovi caccia da combattimento

Il dialogo tra il Governo tailandese e il principale gruppo ribelle muuslmano che combatte ...

2022 Addio. Senza rimpianti

"Rivangare su ciò che poteva essere è stupido e inutile: ormai ciò che doveva accadere è accaduto. Meglio quindi preoccuparci di cosa potrà essere il 2023. E credo ci sia davvero da preoccuparsi". L'editoriale di fine anno del direttore del Progetto Atlante

di Raffaele Crocco Nessuna voglia di essere Nostradamus, sia chiaro. E’ che cercare di ...