Crimini di guerra: il ruolo della Corte Penale Internazionale

L’attacco di Hamas e la risposta di Israele nella Striscia di Gaza. Conversazione con Pierpaolo Petrelli, docente alla O.P. Jindal Global University di Diritto e Terrorismo transnazionale

di Anna Violante

Pierpaolo Petrelli, docente di Diritto Internazionale e Terrorismo transnazionale alla O.P. Jindal Global University (India)

L’efferato attacco di Hamas contro la popolazione civile di Israele e la risposta dell’esercito israeliano hanno profondamente allarmato la comunità internazionale. Le Nazioni Unite, le ONG per i diritti umani e molti leader mondiali hanno da subito condannato le violazioni del Diritto Internazionale Umanitario (DIU) e continuano a invocarne il rispetto. Ne abbiamo parlato con Pierpaolo Petrelli, docente di Diritto Internazionale e Terrorismo Transnazionale alla O.P. Jindal Global University (India).

In tempo di guerra, cosa preoccupa maggiormente la comunità internazionale?

Per il diritto internazionale umanitario, è fondamentale garantire la sicurezza e della popolazione. Ciò implica condurre le ostilità con umanità, usare precauzioni per ridurre al minimo i danni ai civili e astenersi da attacchi illegali o punizioni collettive.

Che potere deterrente hanno nel conflitto le organizzazioni internazionali?

La Corte Penale Internazionale (CPI) è di particolare rilevanza per la situazione in Palestina, soprattutto in termini di deterrenza. Ai sensi dell’articolo 12 dello Statuto di Roma, la Corte Penale Internazionale può perseguire i crimini di sua competenza commessi sul territorio di uno Stato parte o da un cittadino di uno Stato parte. La recente dichiarazione del Procuratore della CPI, Karim El Khan, conferma la giurisdizione della Corte su potenziali crimini di guerra commessi da cittadini palestinesi (militanti di Hamas o delle Brigate Al Quds) in Israele e da israeliani nella Striscia di Gaza, anche se Israele non è uno Stato membro. Il trattato della CPI è entrato ufficialmente in vigore per la Palestina il 1 aprile 2015; Israele ha firmato ma non ha ratificato il Trattato della Corte Penale Internazionale e nel 2002 ha annunciato che non intendeva diventare membro della Corte. È fondamentale che vi sia una condanna chiara e inequivocabile dell’atto di accusa e un impegno ad affrontare la situazione in Palestina utilizzando tutti i poteri disponibili. È importante notare che il procuratore della CPI sta già indagando sui crimini di guerra commessi o in corso di commissione da parte di attori palestinesi e israeliani in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, e a Gaza. L’attuale escalation di violenza rientra quindi nel mandato della Corte.

Quali sono i reati di entrambe le parti che giustificano un’indagine della Corte Penale?

I crimini di guerra e i crimini contro l’umanità sembrano essere i crimini più probabili da indagare e imputare nel contesto dell’attuale conflitto. Occorre precisare che, sebbene il terrorismo non figuri come reato distinto nello Statuto di Roma, esistono crimini di guerra equivalenti che coprono materialmente la stessa condotta illecita. Inoltre, l’idea che il terrorismo possa essere qualificato come crimine contro l’umanità ha ricevuto un sostegno più ampio nella letteratura giuridica. Tra quelli tuttora in corso su cui la Corte Penale Internazionale può e deve indagare figurano il deliberato attacco contro i civili, la loro cattura, nonché le campagne di bombardamento indiscriminate. Inoltre, esiste il rischio chiaro ed evidente che parte della condotta pianificata da Israele possa equivalere a una punizione collettiva – punire la popolazione palestinese nel suo insieme per le atrocità di Hamas – che è un crimine di guerra secondo le Convenzioni di Ginevra.

Cos’è il diritto di uno Stato di ricorrere alla legittima difesa?

Il diritto naturale dello Stato di ricorrere alla legittima difesa individuale o collettiva, a partire dal momento in cui uno Stato membro delle Nazioni Unite subisca un attacco armato e finché il Consiglio di Sicurezza ONU non abbia predisposto le misure necessarie ad assicurare la pace e la sicurezza internazionale, è stato codificato. L’aggressione che legittima lo Stato a ricorrere all’autodifesa può essere sia l’offesa mossa dall’esercito regolare dello Stato-aggressore, sia qualunque altra operazione di attacco per cui siano stati ingaggiati mercenari, bande irregolari e terroristi. La legittima difesa, quindi, può essere solo la risposta a un attacco armato ricevuto e mai una reazione alla manifestazione di forza fatta dal nemico per reagire a propria volta alla presenza di occupazione. La legge richiede la protezione dei civili, distingue tra obiettivi militari e civili e proibisce gli attacchi deliberati a siti non militari. Secondo il diritto internazionale umanitario, le parti devono sempre rispettare i principi fondamentali di distinzione, proporzionalità e precauzione, sia durante l’attacco che nelle sue conseguenze. Gli attacchi deliberati contro civili o luoghi non militari sono vietati e considerati crimini di guerra, compresi luoghi come case, strutture sanitarie, scuole ed edifici governativi che non hanno scopi militari. I belligeranti devono fornire un allarme tempestivo degli attacchi che colpiscono i civili.

Israele ha rivendicato il proprio diritto all’autodifesa. Lo sta rispettando?

Israele ha il diritto all’autodifesa, nel rispetto del diritto internazionale. Il 13 ottobre l’esercito israeliano ha dato 24 ore di tempo ai cittadini di Gaza City per spostarsi a sud di Wadi Gaza e mettersi in salvo (l’invasione non è ancora iniziata, ndr). Dobbiamo ricordare che i civili che rimangono nonostante gli avvertimenti, sono protetti dal diritto umanitario e che le forze d’attacco devono dare priorità alla prevenzione delle vittime civili e dei danni alle proprietà. Di conseguenza, la designazione del Nord di Gaza come campo di battaglia sulla base di questo ordine non è giustificata.

Se vengono presi di mira obiettivi militari e ci sono vittime civili?

Le sole vittime civili non costituiscono un “crimine di guerra” se viene rispettata la proporzionalità. L’aspetto critico per il diritto internazionale è la valutazione della proporzionalità, che richiede un’analisi approfondita. Una risposta sproporzionata a un’aggressione rischia di essere un crimine contro l’umanità. L’attacco diretto a soldati e installazioni militari è legale se vengono prese precauzioni per proteggere i civili. Se lo status di civile o militare non è chiaro, gli attaccanti devono assumere lo status di civile. Il diritto internazionale umanitario consente di colpire i comandanti militari, a condizione che vengano rispettate le leggi che proteggono i civili e il principio di proporzionalità. I leader politici non coinvolti in operazioni militari sono considerati civili e non sono obiettivi legittimi.

La prevista invasione di Gaza delle truppe israeliane per eliminare i leader di Hamas violerebbe la legge?

I gruppi armati israeliani devono evitare di colpire i civili e di causare danni sproporzionati. I leader dei gruppi armati palestinesi sono obiettivi validi, ma essere un leader politico di Hamas non giustifica automaticamente attacchi militari. I militanti possono essere presi di mira anche nelle loro case o nei luoghi di lavoro, ma gli attacchi devono evitare di colpire i membri delle loro famiglie civili e mantenere una chiara distinzione tra combattenti e civili. Attaccare deliberatamente case vuote di militanti o colpire le loro famiglie costituisce una punizione collettiva ed è quindi vietato.

Human Rights Watch ha documentato l’uso di bombe al fosforo bianco da parte di Israele. Sono legali?

Sebbene il fosforo bianco sia innescato da una reazione chimica, è classificato come arma incendiaria a causa della sua natura altamente reattiva con l’ossigeno, che provoca gravi ustioni. Il suo uso non è completamente vietato dai trattati internazionali, ma è fortemente limitato. Il Terzo Protocollo alla Convenzione delle Nazioni Unite su alcune armi convenzionali, in vigore dal 1983, ne regolamenta l’uso. Le bombe al fosforo sono consentite per scopi specifici, come l’illuminazione, l’occultamento delle truppe, la creazione di una cortina fumogena o il bersaglio di siti militari senza civili o strutture civili, vietandone di fatto l’uso nelle aree urbane. Israele non ha ratificato questo protocollo, ma rimane vincolato da obblighi più ampi nell’ambito del diritto internazionale umanitario. L’uso del fosforo bianco nel conflitto di Gaza viola il diritto umanitario internazionale, in quanto non rispetta l’obbligo di ridurre al minimo i danni ai civili. Human Rights Watch e molti Stati chiedono un Protocollo III più forte per vietare tutte le armi incendiarie nelle aree civili, e si spera che questo appello venga ascoltato.

La diplomazia internazionale si sta muovendo senza sosta, ma cos’altro si può fare per evitare che il conflitto si inasprisca?

Tutti gli Stati  – in particolare i principali fornitori, come gli Stati Uniti per Israele – devono sospendere tutti i trasferimenti di armi, munizioni e altre attrezzature e tecnologie militari a tutte le parti finché esiste un rischio significativo che queste forniture vengano utilizzate per commettere gravi violazioni del diritto umanitario internazionale e gravi violazioni dei diritti umani. La sospensione dovrebbe includere tutte le esportazioni indirette attraverso Paesi terzi, i trasferimenti di componenti e tecnologie militari e tutte le attività di intermediazione, finanziarie o logistiche che potrebbero facilitare tali trasferimenti. Tuttavia, anche se la guerra dovesse finire, i civili continueranno a pagare un prezzo pesante finché Israele non smantellerà il suo sistema di apartheid contro i palestinesi, ponendo fine anche al blocco illegale di Gaza.

In copertina Gaza vista Google Map

Tags:

Ads

You May Also Like

Un camper nei conflitti: un anno di guerra in Sudan

L'appuntamento settimanale col podcast di InPrimis, Unimondo, atlanteguerre

Un camper nei conflitti è un podcast settimanale realizzato con una collaborazione di Associazione culturale inPrimis, Atlante ...

Mappa interattiva: lavori in corso

La mappa è tornata, ma per il momento non è interattiva. Nell’attesa che riprenda ...

La sfida clima passa da Bonn

I cambiamenti climatici tornano nell’agenda internazionale con un nuovo summit. Dopo Parigi e New ...