Contro la guerra a Gaza

Un reportage di Fabio Bucciarelli per Atlante delle guerre

Queste immagini sono una parte del lavoro nel Vicino oriente che  Fabio Bucciarelli ha voluto condividere con l’Atlante delle guerre come anticipazione di un lavoro che pubblicheremo più avanti. Sono immagini di domenica scorsa scattate davanti alla Knesset – il Parlamento di Israele –  a Gerusalemme per il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas. I manifestanti non credono che la guerra sia la soluzione giusta per riavere a casa i propri famigliari

 

Decine di migliaia di israeliani si sono riuniti davanti alla Knesset a Gerusalemme domenica 7 aprile 2024, chiedendo il rilascio di 133 ostaggi detenuti da Hamas a Gaza. La manifestazione ha segnato sei mesi dallo scoppio della guerra contro il gruppo militante islamico. Le critiche al primo ministro Netanyahu sono echeggiate durante la manifestazione, che ha attirato circa 50.000 persone. Si sono rivolti alla folla gli ostaggi liberati, i parenti di coloro che erano ancora prigionieri e i genitori dei soldati uccisi. I manifestanti portavano cartelli con le immagini delle persone rapite e indossavano nastri gialli che simboleggiavano la loro situazione difficile. La Knesset è stata illuminata di giallo in loro onore.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Libano, la protesta vince ma non si ferma

Da cinque giorni manifestazioni hanno attraversato il Paese dei Cedri da Beirut ad altre importanti città. L'esecutivo ha  risposto  con un pacchetto di riforme ma per i dimostranti sono insufficienti

Dopo 5 ore di riunione e mentre era in corso lo sciopero generale, il ...

“Pronti al martirio”. La protesta incendia il Libano

Mentre gli scontri con le forze di sicurezza non si fermano, si  schierano i leader religiosi: "Il popolo non perdonerà. La Storia non dimenticherà'"

“I manifestanti sono determinati ad arrivare alla resa dei conti contro i militari a ...

Il rischio di non riuscire più a mettere la museruola alla guerra. Il punto

Dall'Ucraina a Gaza. Dalla Nuova Caledonia alle armi nucleari. Uno scenario di conflitto che continua a crescere

di Raffaele Crocco Il pericolo vero, ed è già qui, è che non si ...