Contro la strategia dello stupro in guerra

In Italia nella  Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sessuale dai conflitti indetta dall’Onu il Colosseo verrà illuminato per tutta la notte

Stupro e violenza sessuale vengono utilizzati come arma nei conflitti, in maniera sistematica e pianificata, e rappresentano una vera e propria strategia di guerra. Ne sono vittime donne e bambine, e in misura minore anche uomini e ragazzi. Le conseguenze sono devastanti ed i loro effetti colpiscono oltre che la singola persona che subisce la violenza anche le comunità di appartenenza. La Campagna Italiana contro lo stupro e la violenza sessuale nei conflitti -Stop Rape Italia in occasione della VI edizione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sessuale nei conflitti lancia la campagna “Zero dignità nella violenza” illuminando il Colosseo. L’iniziativa è parte di un progetto più ampio finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e delle Cooperazione Italiana (MAECI) nell’ambito del III Piano di Azione Nazionale in attuazione della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1325 (2000) Donne, Pace e Sicurezza.

“Stop Rape Italia ha deciso di celebrare il 19 giugno illuminando il Colosseo per onorare tutte le donne, di ieri e di oggi che hanno subito queste atrocità. La città eterna rende omaggio alle donne italiane che durante la seconda guerra mondiale furono vittime di queste barbarità e a tutte le donne che in tempi più recenti, in diverse parti del mondo, dalla Colombia alla Repubblica Democratica del Congo, hanno subito violenze disumane da parte di chi vedeva nel loro corpo l’estensione del campo di battaglia” dichiara Tibisay Ambrosini coordinatrice di Stop Rape Italia “illuminare il Colosseo simbolicamente significa illuminare le coscienze per evitare che in futuro ci siano ancora vittime. Significa accendere la speranza, una speranza fatta di azioni concrete in grado di sostituire all’indifferenza la consapevolezza necessaria per agire per tutelare e promuovere la dignità di ogni vita umana. Cambiare è possibile!” conclude Ambrosini.

La Giornata, istituita con Risoluzione A/RES/69/293 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha l’obiettivo di sensibilizzare sulla necessità di porre fine alla violenza sessuale connessa ai conflitti, onorare le vittime e le sopravvissute di tutto il mondo e rendere omaggio a chi con coraggio ha dedicato, ed in alcuni casi, ha perso la propria vita per combattere tale crimine. A Stop Rape Italia aderiscono la Campagna Italiana contro le mine, che ne ha curato l’avvio nel 2014, e l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANVCG). Inoltre, Stop Rape Italia è partner culturale della Nazionale Femminile Hockey Prato.

(Red/Int)

Tags:

Ads

You May Also Like

La memoria di Tito

Quarant'anni fa moriva Tito, padre padrone della nuova Jugoslavia.  Uscito da una guerra aveva costruito un lungo periodo di pace per i Balcani. Finito tragicamente con un’altro tragico conflitto

di Edvard Cucek Esattamente 40 anni fa moriva il presidente a vita della “seconda ...

Uno solo contro tutti

Un articolo che prepara alla Giornata delle Fasce bianche organizzata da Trentino con Balcani e 46° Parallelo in collaborazione con il Forum trentino per la pace e diritti umani e Progetto Prijedor nel Palazzo Thun a Trento

di Edvard Cucek Sono tanti, oggi, in Trentino e nel resto d’Italia, ad aver sentito ...

Il Concorso fotografico dell’Atlante

War and Revolutionary Stories - sostenuto da Montura e Intersos -   è un'iniziativa  aperta a tutti i fotoreporter professionisti: pochi giorni alla chiusura del bando il 10 luglio per presentare il proprio lavoro

WARS – War and Revolutionary Stories – Prima edizione Termine di presentazione delle foto: ...