Cosa ci ricorda il 1 maggio

Creare gli strumenti per garantire lavoro dignitoso e per migliorare, di conseguenza, la distribuzione della ricchezza è fondamentale per chi vuole costruire il futuro del Pianeta. Non c’è Pace senza lavoro giusto.

di Raffaele Crocco

Lavoro, informazione, formazione, salute, libertà d’opinione ed espressione: si fonda su questi pilastri la democrazia, se ci pensiamo. Sono le medesime fondamenta della Pace. Non è un caso che le due cose coincidano. Il lavoro resta centrale in ogni ipotesi di costruzione della Pace. E’ il lavoro che da – dovrebbe dare – dignità agli individui, garantendo sicurezza, capacità di spesa e ruolo. E’ il lavoro – assieme ad un efficiente stato sociale – che dovrebbe assicurare una migliore e più giusta distribuzione della ricchezza in ogni singolo Paese e nel Mondo.

Non funziona così. I dati ci dicono che siamo ancora lontani dall’obiettivo. L’Oil -l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di questo tema – ci racconta ad esempio che le le prospettive del mercato del lavoro sono peggiorate a livello globale. A rendere tutto complicato, in un Mondo che lo era già a sufficienza, è stato il Covid19. La pandemia ha letteralmente cancellato milioni di posti di lavoro, complici il blocco della produzione “esternalizzata” e la rottura delle catene di rifornimento delle materie prima e di distribuzione dei prodotti finiti. Così, l’Oil stima che nel 2022 il totale delle ore lavorate a livello globale, aggiornato anche sulla base della crescita della popolazione, rimarrà di quasi il 2 per cento al di sotto del tasso pre-pandemia. Questo significa che si perderanno 52 milioni di posti di lavoro a tempo pieno, considerando per altro una settimana lavorativa di 48 ore, lontana dagli standard europei avanzati. Nel Piantea, la disoccupazione dovrebbe attestarsi a 207 milioni di unità nel 2022, superando i livelli del 2019 di circa 21 milioni di unità. Un disastro vero, soprattutto considerando che in buona parte dei Paesi non esistono ammortizzatori sociali e chi perde il lavoro, perde ogni forma di reddito.

Come sempre, ad essere più colpite saranno le donne, ovunque fascia “debole” del mercati del lavoro. Le agenzie internazionali calcolano che questi anni di pandemia siano già costati almeno 120milioni di posti di lavoro femminili. La mancanza di posti di lavoro, con lo spettro delle disoccupazione, avrà anche la conseguenza di peggiorare le condizioni di lavoro e di abbassare i salari. Insomma, ci saranno contratti peggiori ovunque, anche in Europa. Aumenteranno le forme di sfruttamento, per altro già in atto. La più clamorosa riguarda le bambine e i bambini. Secondo l’ILO , sono ancora 152 milioni i bambini e adolescenti — 64 milioni sono bambine e 88 milioni sono bambini — vittime di lavoro minorile. Metà di essi, 73 milioni, sono costretti in attività pericolose, mettono a rischio la salute, la sicurezza, il futuro.

Un quadro difficile, quello che abbiamo davanti. Creare gli strumenti per garantire lavoro dignitoso e per migliorare, di conseguenza, la distribuzione della ricchezza è fondamentale per chi vuole costruire il futuro del Pianeta. Non c’è Pace senza lavoro giusto. Il Primo Maggio serve a ricordarcelo.

Tags:

Ads

You May Also Like

Armi esplosive: negoziato in salita

Mentre a Ginevra la discussione sulla Dichiarazione politica internazionale sull'uso degli ordigni bellici nelle città  viene rimandata a giugno i civili continuano a pagare il prezzo delle guerre

di Sara Gorelli* Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia mondiale, lo ...

Incertezze e ripiegamenti: intanto la guerra continua

Se i negoziati fra le parti avanzano, le armi comunque non tacciono ed è difficile capire davvero cosa sta succedendo. Un resoconto dell'ultima settimana di guerra

di Raffaele Crocco Sul campo di battaglia la situazione resta incerta. Se i negoziati ...

Roma, il topolino climatico del G20

Domani si chiude il summit dei Grandi: impegni vaghi che non raffreddano il dossier più scottante

La notte porterà consiglio agli sherpa del G20 e ai loro capi politici? Si ...