Diritti Dimenticati, una giornata con l’Unesco

Diritti dimenticati per celebrare la Giornata Mondiale dei Diritti Umani. L’appuntamento è per lunedì 12 dicembre a Trento via Inama, 5 nella Sala Conferenze del Dipartimento di Economia e Management.

L’iniziativa è organizzata dal gruppo Regionale Trentino del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO in collaborazione con Unitin – Rete degli studenti universitari del Trentino.

Durante la giornata interventi e testimonianze sul tema della libertà di stampa come diritto imprescindibile. I relatori presenti saranno: Raffaele Crocco di “Atlante Guerre”, Paulo Lima – Viração Educomunicação, Chiara Sighele dell’”Osservatorio Balcani e Caucaso”, Marta Villa Club Unesco Trento, mentre in collegamento via Skype da Roma sarà con noi il foto giornalista Massimo Sestini, vincitore del premio World Press Photo award 2015.

Modera l’intervento Marco Pontoni.

“Diritti Dimenticati”, si inquadra nell’ambito dei diversi eventi che, in tutta Italia, il Comitato Giovani UNESCO ha organizzato per celebrare la Giornata Mondiale dei Diritti Umani, in modo capillare e coordinato, su tutto il territorio nazionale.

“Crediamo che i valori e gli ideali alla base di questa importante iniziativa internazionale, debbano essere promossi anche e soprattutto tra i giovani. Quest’anno abbiamo deciso di affrontare, all’interno della Giornata, il tema particolarmente attuale della libertà di stampa e di espressionecommenta Paolo Petrocelli, Presidente del Comitato Giovani. “Siamo infatti convinti che attraverso l’educazione al confronto e l’accesso diretto alla cultura e all’informazione, si possano formare giovani responsabili più consapevoli dei propri diritti e di quelli degli altri. In questo senso, la Giornata Mondiale rappresenta un’importante occasione per favorire questo dibattito in tutto il Paese”.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Referendum per i curdi: il futuro che fa paura

di Ilario Pedrini Quella del 25 settembre 2017 è una data destinata a restare ...

Un disastro umano e umanitario con troppi responsabili

Migrazione nel Mediterraneo, la nave Aquarius bloccata a Malta e le colpe dell'Italia. I porti chiusi, la gente che rischia di morire e la strategia del "ministro di Tutto". L'editoriale di Raffaele Crocco

di Raffaele Crocco* Probabilmente dobbiamo aspettare di vederli morire. Quindi facciamo una cosa differente, ...

Sangue nel telefono cellulare

di Andrea Tomasi Nel Congo si trova la maggior parte delle risorse naturali del ...