EZLN: un’idea di mondo diverso possibile – I PARTE

In un mondo che cambia la rivoluzione dell'EZLN è elemento continuativo, seppur in trasformazione, che resta saldo nel pensiero e nella pratica anti-capitalista.

Di Andrea Cegne

I PARTE- In un mondo che cambia la rivoluzione dell’EZLN è elemento continuativo seppur in trasformazione che resta saldo nell’elaborazione di un pensiero, e di una pratica, anti-capitalista composta da una decisiva visione post coloniale e anti patriarcale. Tanti no che si materializzano in un grande “si” – l’autonomia indigena – un’idea di mondo diverso possibile. L’EZLN ha dovuto affrontare in questi 40 anni di vita, e 30 di insurrezione, tanti cambiamenti. Quelli interni, il primo e più importante è aver modificato la traiettoria rivoluzionaria marxista-leninista, con cui il gruppo fondatore entrò nella Selva Lacandona il 17 novembre del 1983, plasmandola e mescolandola con la cosmogonia indigena maya.

Poi ci sono state le morti in guerra, le morti per età, le morti per attacchi paramilitari, i cambi di ruolo, le nuove generazioni, e gli scontri tra correnti. Quelli esterni, i cambi di governo – ben sei – poi le diverse forme di contro insurgencia da quella militare del 1994 a quella che somma crimine organizzato, guerra di bassa intensità, paramilitarizzazione, e politiche sociali dell’oggi. In questo scenario è importante ricordare che se tra il 1983 ed il 1994 in Abya Yala esistevano diverse guerriglie e pulsioni rivoluzionarie oggi l’EZLN è di fatto restato solo. Certo l’idea di autonomia indigena, non sospinta da una lotta armata, è stata ripresa e applica in diversa modalità in mezzo Messico con il caso, forse, più interessante di Cheran e del Michoacan.

La rivoluzione zapatista si basa tutt’ora sull’essere sia civica che militare, dove l’ala militare resta in tutto e per tutto organizzata come ogni esercito ovvero in maniera verticale. Allo stesso tempo l’esercito è il luogo di formazione politica, è lo stesso esercito che ha deciso di mettere in discussione l’uso della violenza già nella sua fase di clandestinità. Così dal 12 gennaio 1994 è elemento di tutela delle comunità però di fatto inattivo dal punto di vista militare. Gli scontri armati dopo l’apertura del dialogo di pace sono pochissimi e di fronte alle provocazioni subite in questi 30 anni la risposta non è praticamente mai stata quella armata. Una rivoluzione complessa, una rivolta che è iniziata nel segno del fuoco e della morte e si è presto spostata nel campo della parola.

Proprio così un movimento armato e militare è diventato simbolo dei movimenti non violenti così come dei movimenti anti-globalizzazione di mezzo mondo. Un movimento che ha rilanciato l’insorgenza indigena che nel continente americano si articolava in resistenze locali spesso non organizzate e quasi sempre invisibilizzate ma allo stesso tempo erano parti di un fervente e crescente dibattito capace di alimentare un nuovo corso e una rivisitazione del pensiero post-coloniale e de-coloniale.

La rivoluzione Zapatista ha dato certamente, anche nella sua capacità di accompagnare l’azione politica con la produzione teorica, un notevole stimolo a tali pensieri critici per quanto formalmente il mondo accademico non lo riconosca. Anomalie che pennellano la particolarità unica dell’esperienza neo-zapatista, dove la parola, la radicalità dei fatti, l’ostinazione della creazione di un mondo capace di contenere molti mondi ha fatto si che odio, rancore, e violenza lasciassero il passo alla costruzione di alternative, ponti di pace, e proposte di dialogo…..”senza perdere la tenerezza” e senza fare passi indietro dalla propria idea. La “geometrica potenza” avanzata dall’EZLN si è esplicitata i 1 gennaio 2024, nel discorso del Subcomandante Moises, capo militare e portavoce dell’organizzazione dal 2013. Parole distanti dalla poetica targata Marcos, una visione pragmatica della realtà, un discorso in Tzeltal prima che in castigliano, un discorso breve e netto più rivolto all’organizzazione e al mondo indigeno che alle internazionaliste e internazionalisti che hanno partecipato all’atto di festeggiamento dei primi 30 anni di rivolta. In tante e tanti si sarebbero aspettati altro, ma l’EZLN è da sempre ostile alla logica dell’evento per l’evento. 10 anni fa per il ventennale del levantamiento non ci fu nessuna festa centrale ma tra il secondo e terzo turno dell’”escuelita zapatista” nei cinque caracoles (oggi 12) ci furono iniziative locali, aperte, senza orazioni “ufficiali”.

L’avvicendamento da Marcos/Galeano a Moises non è solo simbolico ma fattivo: dalla forza della parola e della poesia alla praticità e nettezza indigena. Marcos rappresenta tutt’ora l’ala avanguardista delle Fuerzas di Liberacion Nacional che dopo la grande repressione degli anni ’70 si sono riorganizzate e hanno lanciato l’epopea neo-zapatista. Moises è volto indigeno che si è unito all’organizzazione ben dopo quel giorno di novembre del 1983, è così il simbolo di una transizione che non si allontana dal mandato “originario” ma organizza una nuova scuola di governo della struttura e quindi del processo rivoluzionario. Devo ammettere che leggendo i diversi comunicati con cui è stato preparato il 30ennale ero pronto alla nomina della prima donna subcomandante dell’EZLN, illusione forse costruita a partire dall’apparente “declassamento” a Capitano (ruolo che aveva già nel 1984) di Marcos. Una mossa che mi sembrava nel solco della storia zapatista, primo esercito della storia con oltre il 30% di donne, e della sua attenzione alla questione di genere che prende forma a partire dalla “Legge rivoluzionaria delle donne”. Sarebbe stata anche una “risposta” alla politica istituzionale messicana che rivendica con forza che alle prossime elezioni del 2 giugno le sfidanti alla presidenza saranno due donne…

Segue…

Tags:

Ads

You May Also Like

Cile, quell’11 settembre oscurato

Un golpe che cambiò la storia. Il ruolo della CIA e quello, appena documentato, dell'Australia

di Maurizio Sacchi L’ 11 settembre ignorato dai media da due decenni è quello ...

Polarizzazione e propaganda: la libertà di stampa nel 2022

L'indice di Reporter senza Frontiere rileva un numero record di situazioni giudicate 'pessime'. La nuova classifica della ong

Un aumento della polarizzazione che alimenta le divisioni all’interno dei Paesi e tra Stati ...

Berlusconi e l’esercizio della memoria

Il dovere di ricordare cosa quest'uomo ha significato per l'Italia e il resto del Mondo

di Raffaele Crocco Ora cominceremo a dimenticare. Cominceremo a dimenticare come trattava le donne, ...