Ricordare la strage del Ruanda

Uno degli episodi genocidari più sconvolgenti del Secolo breve

Nell’aprile di diversi anni fa si svolse uno degli episodi genocidari più sconvolgenti del Secolo breve. Riproponiamo qui un articolo uscito su Unimondo nel 2019 di Fabio Pipinato

L’inferno non può essere peggiore.Vivi scene che ti fanno sprofondare di girone in girone. Senza pietà. Non c’è fine al peggio sino a trovarti in Paradiso. Mi spiego. La gente sorride, collabora. I bambini saltellano, indicano ai genocidari dove si sono rifugiati i loro coetanei tutsi come stessero giocando a nascondino. Le donne aiutano l’esercito a compilare la lista come fosse quella della spesa ed invece è la lista delle persone da eliminare. A migliaia. Uno studente delle superiori, vedendomi, mi grida: “E’ la nostra Rivoluzione Francese”. Altri “Libertà, libertà”. C’è raduno, folla, lo “stare assieme”. Tutti rubano di tutto. E’ finita la fame, l’oppressione, l’umiliazione d’essere figli di un dio minore. Giorni di terrore che la maggior parte degli organi di informazione ha voluto ignorare, relegando la tragedia che si svolgeva sotto gli occhi dell’intera comunità internazionale alla tesi di uno scontro tribale folle ed irrazionale.

Rwanda, 7 aprile 1994.

Ore 6.00 del mattino. Sveglia. Esco dalla porta di casa. Silenzio. Non si muove foglia. I primi raggi, deboli, illuminano l’acqua del lago. Ferma. Non vi sono pescatori, oggi. Le canne di papiro non ondeggiano. Non cantano più gli uccelli.
Mi reco alla fonte. Sarà o no una buona giornata? Tutto regolare. L’impianto funziona a meraviglia. Esce acqua potabile in abbondanza ed i filtri donati da Rotary di Bologna vanno che è un piacere. Buona nuova. I rifugiati burundesi, siti nei campi a confine con il Burundi, ormai dall’ottobre dell’anno precedente, avranno anche oggi acqua pulita… (continua su Unimondo)

Tags:

Ads

You May Also Like

Ruanda: il caso di Félicien Kabuga

Il 7 giugno 2023 il Tribunale penale internazionale per il Ruanda ha deciso di stralciare il procedimento per l’aggravamento dello stato di salute dell'ex primula rossa. Ma la verità storica corre il rischio di sommare un altro vuoto sul genocidio

Il 7 giugno scorso il Tribunale penale internazionale per il Ruanda (Tpir) ha deciso ...

Venezuela e Colombia ai ferri corti

Una fuga da telenovela. Ma i profughi salgono a quasi 5 milioni

di Maurizio Sacchi Le Forze speciali  venezuelane hanno catturato il 30 gennaio  nella città ...

Zimbabwe: elezioni tra sospetti e scontri

Il partito Zanu-Pf rivendica la vittoria ma l'opposizione non ci sta e scende in piazza: bilancio di sangue per le prime elezioni dopo Mugabe

di Alice Pistolesi Il vincitore non è ancora ufficiale ma almeno una parte della ...