Giorno di guerra 309. Il punto

Il passaggio al 2023 sarà sotto le bombe per gli ucraini. Con la prospettiva di un qualche cessate il fuoco lontanissima.

di Raffaele Crocco

Il giorno 309 di guerra non porta buone notizie. Il passaggio al 2023 sarà sotto le bombe per gli ucraini, con la prospettiva di un qualche cessate il fuoco lontana, lontanissima. Il Presidente Zelensky ha presentato un piano di pace. Una piattaforma, ha spiegato, su cui discutere in una conferenza internazionale da realizzare nel febbraio del 2023, in occasione dell’anniversario dell’invasione russa. La risposta di Mosca è stata chiara. Il Cremlino ha definito “delirante” il progetto di Zelensky e ha intensificato i bombardamenti sulle città. Uomini e donne stanno morendo, le infrastrutture vengono ancora distrutte. A spiegare quanto Putin sia al momento lontano da ogni idea di negoziato, è stato il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavarov. La Russia, ha in pratica detto, non intende parlare con alcuno del piano Zelensky. “E’ evidente – ha aggiunto – che Kiev non è pronta al dialogo. Zelensky accarezza l’idea di ottenere, grazie agli aiuti occidentali, il ritiro delle nostre truppe dai territori russi del Donbass, della Crimea, di Zaporozhzhia e Kherson. Vuole, poi, che Mosca paghi i danni di guerra e che vengano istituiti tribunali internazionali.

Naturalmente, non ci sarà alcun colloquio a tali condizioni”. In questo momento, per altro, nessuno pare avere in mano carte buone per il negoziato, nemmeno in campo internazionale. E l’assenza di possibili mediatori sta diventando un altro macigno sulla guerra. Cosi, sull’Ucraina piovono missili e bombe. I missili verrebbero lanciati dalle navi sul Mar Nero, mentre i bombardieri sono tornati nei cieli ucraini.

Nonostante la contraerea stia facendo un buon lavoro, Kiev è stata più volte colpita. Leopoli, Kharkiv e Odessa sono sotto attacco. Leopoli appare come la più colpita. E’ rimasta al 90% senza elettricità. Tram e filobus sono fermi e si pensa al razionamento dell’acqua. I combattimenti proseguono anche a terra, senza grandi conquiste o perdite. Sta diventando una lunga, estenuante guerra, che trita vite e risorse. Il 28 dicembre, le Forze armate ucraine hanno dichiarato di aver ucciso – loro usano il termine liquidato – 800 soldati russi negli ultimi combattimenti. La cifra delle perdite russe salirebbe quindi a 104.000, mentre da parte ucraina potrebbero essere fra i 16.000 e i 31.000. Il numero è una stima fatta dagli osservatori, non esiste  infatti un documento ufficiale da parte ucraina.

Dal punto di vista militare, la situazione è bloccata. Nessuno dei due eserciti riesce a fare passi avanti e  questo avvalora l’idea di una guerra destinata a  diventare infinita.  Il tentativo russo resta quello di sempre, negli ultimi mesi: sfinire gli ucraini per convincerli ad accettare le condizioni che Mosca pone per finire la guerra. Per ora, il piano sta fallendo, anche se intere città sono praticamente al gelo. La voglia di resistere della popolazione sta diventando una barriera insormontabile per Putin.

Tags:

Ads

You May Also Like

Covid-19, è crisi umanitaria

Alle Nazioni Unite servono 29miliardi di euro per far fronte all’emergenza

“Tra Serbia e Kosovo serve la mediazione Ue”

Torna l'alta tensione tra i due Stati. Il punto della situazione e le principali questioni in ballo nell'intervista a Maurizio Camin

di Alice Pistolesi Le relazioni tra Serbia e Kosovo sono, di nuovo, in una ...

Ucraina: armi nuove, vecchia distruzione. Il punto

Missili Zircon per Mosca, carri armati dal Marocco per Kiev. Cosa succede sul campo e il nuovo bilancio delle vittime al giorno 333

di Raffaele Crocco Ci sorpassa a velocità supersonica il giorno 333 dall’invasione russa dell’Ucraina. ...