Gli “squadroni della morte” della Cia in Afghanistan

Le operazioni segrete e impunite delle milizie paramilitari addestrate dall'intelligence Usa. La denuncia di Hrw

di Giuliano Battiston ed Emanuele Giordana

Quattordici casi documentati e 53 pagine di rapporto fanno luce sulle tenebre delle notti afgane in cui paramilitari locali, che rispondono alla Cia, si sono macchiati di gravi abusi e crimini di guerra. Piomba sull’incerto paesaggio politico e militare dell’Afghanistan un rapporto di Human Rights Watch, accurato e impietoso, che disegna quanto avvenuto negli ultimi due anni, tra la fine del 2017 e la metà del 2019: in parte gli anni del negoziato di pace ora nelle secche mentre il Paese è alle prese con l’incertezza delle ultime elezioni presidenziali avvelenate dalle reciproche accuse di brogli tra candidati.

Il rapporto “They’ve Shot Many Like This”: Abusive Night Raids by CIA-Backed Afghan Strike Forces,  sostiene che milizie locali appoggiate dalla Cia hanno commesso esecuzioni sommarie e altri gravi abusi impunemente… ucciso illegalmente civili durante i raid notturni, fatto scomparire detenuti, attaccato strutture sanitarie perché si riteneva curassero ribelli”. Le vittime civili di queste incursioni accompagnate da raid aerei americani – aggiunge il rapporto – sono aumentate notevolmente negli ultimi due anni. Se si dovesse arrivare a un accordo politico, conclude HRW, il futuro governo dovrà disarmare ogni tipo di milizia compresi i paramilitari che rispondono teoricamente all’intelligence del Paese ma che sono in realtà “in gran parte reclutati, formati, equipaggiati e controllati dalla Cia”.

Funzionari, società civile, attivisti locali, operatori sanitari afgani e stranieri, giornalisti e anziani “hanno descritto – scrive il dossier – incursioni abusive e attacchi aerei indiscriminati quotidiani nella vita di molte comunità, spesso con conseguenze devastanti…”. Un diplomatico le ha definite operazioni da “squadroni della morte”.
Il rapporto mette il dito nella piaga del lato più oscuro della guerra e arriva a pochi giorni dalle dichiarazioni di Amdullah Mohib, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Ashraf Ghani. Mohib ha fatto sapere che, se finora non c’erano precondizioni per il dialogo con i Talebani, ora le cose sono cambiate: serve almeno un mese di cessate il fuoco “per verificare che i Talebani controllino davvero i comandanti” militari.

Il movimento, accusa Mohib, non è unitario. Richiesta bizzarra e inaspettata, che complica ulteriormente il compito di Zalmay Khalilzad, l’inviato del presidente Donald Trump che deve far ripartire i negoziati con gli studenti coranici (nell’immagine a destra), interrotti a sorpresa da Trump il 7 settembre, quando la firma dell’accordo negoziato a Doha sembrava imminente.

Oltre che a Kabul, l’inviato di Trump ha ripreso a girare per le capitali della regione, alla ricerca di un consenso sul processo di pace. Sulla carta, tutti si dicono d’accordo. Così, per esempio, i rappresentanti dei governi di Stati Uniti, Unione europea, Francia, Germania, Italia e Regno Unito, che il 22 ottobre in un comunicato congiunto hanno incoraggiato la ripresa dei colloqui. E sollecitato il governo a nominare la delegazione che dovrà incontrare i Talebani nel prossimo dialogo “intra-afghano” da tenersi a Pechino tra qualche giorno, dopo quello dello scorso luglio a Doha. Difficile che la richiesta venga accolta in fretta: a Kabul e in tutto il Paese si aspettano ancora i risultati preliminari delle elezioni presidenziali del 28 settembre. Sarebbero dovuti arrivare a metà ottobre, ma arriveranno il 14 novembre. I due candidati principali, il presidente Ghani e il primo ministro Abdullah Abdullah si dicono entrambi convinti di aver vinto. La commissione elettorale, intanto, ha rivisto le stime: al voto sarebbero andati meno di 2 milioni di cittadini. Su 30 milioni di abitanti.

Tags:

Ads

You May Also Like

La spirale che attanaglia il Mali

Le violenze in Mali continuano. Dieci  caschi blu sono rimasti uccisi in un attacco al campo base di Aguelhok. Mentre 800 scuole in tutto il Paese sono state  chiuse

di Elia Gerola. Come riportato da un comunicato ONU, nella prima mattinata di domenica ...

Il Mali verso le elezioni

Instabilità politica, attentati, mine e locuste. In questo clima a fine luglio si vota mentre si continua a fugge verso l’Europa. Con un “viaggio della speranza” che la maggior parte delle volte si conclude con un diniego

di Elia Gerola   A fine mese in Mali, il 29 luglio, nella regione ...

Nigeria, l’ombra dei social sulle elezioni

Nel febbraio 2019 il Paese, in preda alla violenza, sceglierà il nuovo presidente mentre rimbalzano notizie di presunte morti e incitamenti all'odio

Sale in Nigeria l’attesa per le elezioni presidenziali di febbraio 2019. Gli oltre 80 milioni ...