Il Nobel per la pace premia il giornalismo (aggiornato)

E' stato assegnato a due reporter: la filippina Maria Ressa e il russo Dmitri Muratov per la loro lotta per la libertà e l'indipendenza del loro mestiere

Il Premio Nobel per la pace 2021 è stato assegnato a due giornalisti: la filippina Maria Ressa e il russo Dmitri Muratov per la loro lotta per la libertà e l’indipendenza del giornalismo. “Rappresentano così tutti coloro – scrive Reporter sans Frontieres – che lavorano con coraggio e determinazione per un’informazione libera, affidabile e indipendente in un Mondo dove la democrazia e la libertà di stampa sono sempre più indebolite a causa del proliferare di false informazioni e commenti di odio”. A sostegno di Maria Ressa, Rsf aveva lanciato il 3 maggio una campagna di solidarietà #HoldTheLine che si può ancora firmare online.

Dimitri  Andreievich Muratov è un giornalista russo, presentatore televisivo e caporedattore del quotidiano russo Novaya Gazeta. lo stesso su cui scriveva la collega Anna Stepanovna Politkovskaja che, il 7 ottobre 2006, è stata uccisa nell’ascensore del suo condominio, un assassinio che ha attirato l’attenzione internazionale (nel  giugno 2014 cinque uomini sono stati condannati al carcere per l’omicidio, ma non è ancora chiaro chi lo abbia commissionato),

Maria lascia a 10 anni il suo Paese per gli Usa (è nata nel 1963) dove la famiglia si trasferisce all’epoca della dittatura (1966-1986,) per far poi ritorno alle «radici» una volta defunto il regime di Ferdinando e Imelda Marcos. Tornata nell’arcipelago, Maria – che ha studiato biologia – sceglie invece il giornalismo di cui dirà che le era sembrato incredibile che qualcuno potesse pagare le sue storie…Ma son storie buone: accumula incarichi e riconoscimenti come giornalista investigativa ed è a lungo a capo dell’Ufficio Cnn di Manila e di Giacarta. Ma nel 2012 non rinnova il contratto e crea il suo giornale online dopo un anno come sola pagina Fb. È un gruppo di dieci persone che lancia l’avventura che dev’essere anche un luogo per pensare e non solo per sapere.

L’acronimo è già un programma: Rappler, formato dalle parole rap (discutere) e ripple (creare onde). Ma nel 2013 a capo dello Stato arriva l’ex sindaco di Davao Rodrigo Duterte, un tipo che non le manda a dire. E Maria diventa subito un ostacolo perché anche lei è un osso duro. Per Rappler cominciano i guai e nel mirino c’è proprio lei. Ma incastrarla non sarà facile e Maria rischia di essere per Duterte più una grana che una vittoria. Come il Nobel ha dismostrato

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

La spirale che attanaglia il Mali

Le violenze in Mali continuano. Dieci  caschi blu sono rimasti uccisi in un attacco al campo base di Aguelhok. Mentre 800 scuole in tutto il Paese sono state  chiuse

di Elia Gerola. Come riportato da un comunicato ONU, nella prima mattinata di domenica ...

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani

di Raffaele Crocco La rabbia è che lo avevano capito anche i miei nipoti ...

Nuove sanzioni a Caracas ma nessuna spallata

Il vicepresidente Usa Pence promette l’inasprimento delle misure contro il  Venezuela dove sono solo poche decine i militari che hanno disertato. In azione paramilitari di entrambe le parti sui due lati del confine con la Colombia

di Maurizio Sacchi Alla fine di un  week-end  di sangue, veleni, concerti, gas lacrimogeni ...