Il senato dice No alle mine a grappolo

E’ stato approvato nel mese di ottobre nella commissione finanze del Senato il decreto di legge 57 che impone il “Divieto di finanziamento delle imprese che svolgono attività di produzione, commercio, trasporto e deposito di mine-antipersona ovvero di munizioni o sub-munizioni a grappolo”.

Secondo la rete del Disarmo Italiana si tratta di una legge molto avanzata in materia che nasce con la volontà migliorare la norma italiana di ratifica della Convenzione sulle Munizioni Cluster del 2011. In quella disposizione l’assistenza finanziaria ai produttori di bombe cluster viene indicata come reato penale.

Il decreto definisce qui il divieto di finanziamento per armi che l’Italia ha messo al bando.

Il testo della legge è stato elaborato dalla Campagna contro le mine, dalla Fondazione Culturale Banca Etica e dal Forum della Finanza Sostenibile

Ora il decreto deve passare dalla Camera dei Deputati.

Fonti:

http://www.disarmo.org/rete/a/43634.html

Tags:

Ads

You May Also Like

Masha, Armita e le altre

"Le ragazze iraniane muoiono ancora". Conversazione con Asia Raoufi, attivista di “Donna, Vita, Libertà”

di Anna Violante A un anno dalla morte per mano della polizia morale di ...

477 giorni dall’invasione dell’Ucraina. Il punto

Il senso del tempo si perde in questa guerra che non ha vincitori ma solo vinti. Il costo dell'offensiva di Kiev

di Raffaele Crocco Quale giorno è? Il calendario dice il numero 477 dall’invasione russa, ...

Vienna prima di Vilnius. La pace prima della guerra

Il 10 e l’11 giugno a Vienna il Movimento internazionale per la pace si incontrerà prima della riunione a Vilnius dei Paesi Nato prevista a luglio

di Laura Tussi In Lituania, a Vilnius il 12 luglio 2023 si terrà la ...