Il senato dice No alle mine a grappolo

E’ stato approvato nel mese di ottobre nella commissione finanze del Senato il decreto di legge 57 che impone il “Divieto di finanziamento delle imprese che svolgono attività di produzione, commercio, trasporto e deposito di mine-antipersona ovvero di munizioni o sub-munizioni a grappolo”.

Secondo la rete del Disarmo Italiana si tratta di una legge molto avanzata in materia che nasce con la volontà migliorare la norma italiana di ratifica della Convenzione sulle Munizioni Cluster del 2011. In quella disposizione l’assistenza finanziaria ai produttori di bombe cluster viene indicata come reato penale.

Il decreto definisce qui il divieto di finanziamento per armi che l’Italia ha messo al bando.

Il testo della legge è stato elaborato dalla Campagna contro le mine, dalla Fondazione Culturale Banca Etica e dal Forum della Finanza Sostenibile

Ora il decreto deve passare dalla Camera dei Deputati.

Fonti:

http://www.disarmo.org/rete/a/43634.html

Tags:

Ads

You May Also Like

Le armi chimiche non se ne sono mai andate

di Tommaso Andreatta Le armi chimiche sono tornate, anzi non se ne sono mai ...

Turchia: Condanna Ue ma senza embargo

L'Unione europea richiama Ankara per l'invasione in Siria ma non riesce a trovare una posizione comune sullo stop alla vendita di armi

“L’UE condanna l’azione militare della Turchia che compromette seriamente la stabilità e la sicurezza ...

La difficile relazione tra Pyongyang e Washington

I colloqui diretti, le avances e le accuse, una storia antica e complessa alle spalle. L'infinita contesa tra Usa e Corea del Nord nell'analisi della coreanista Rosella Ideo

di Rosella Ideo Il vertice fra il presidente americano Donald Trump e il leader ...