In Sudan, di oro si vive o si perisce

Da sempre complessa la situazione di questo Stato arabo-africano, i fatti delle ultime settimane si inseriscono nel solco di una storia di sfruttamento e oppressione che sembra non finire mai

di Sara Bin 

Oggi è venerdì, ma non uno qualunque. È il 21 aprile. È Eid al Fitr, la festa che segna la fine del mese di Ramadan. Ho finito il turno di notte al lavoro e sono rientrato. Doccia, brioche e cappuccino e poi due ore al telefono con mamma e con gli amici che stanno in Sudan. Alle 10 ora italiana e anche sudanese stavano festeggiando, c’era un sacco di gente a casa, ho visto tutti in video. Mamma e papà mi dicono che va tutto bene, che a Omdurman tutto è normale. I negozi sono aperti. Si lavora, quindi. Ogni tanto, si sentono boati e spari, ma il tutto è normale. Non nego la mia apprensione perché ogni volta che i media annunciano un imminente colpo di Stato o qualche scorribanda militaresca si fa strada la paura”. 

Continua: leggi tutto su Unimondo.org

Nella foto di copertina, manifestazione di sudanesi ® Philippe Gregori/shutterstock.com

Tags:

Ads

You May Also Like

Ancora strage in Centrafrica

La violenza in una missione cattolica che ospita sfollati nei pressi della città di Alindao ha provocato oltre 40 morti

La violenza non si arresta nella Repubblica Centrafricana. L’attacco ad una missione cattolica che ...

Libia, dubbi sul cessate il fuoco

L'ipotesi lanciata dal Gna è stata respinta da Haftar, mentre la popolazione, allo stremo, è scesa in piazza. Resta poi il nodo petrolio

Persistono forti dubbi sul cessate il fuoco in Libia. Il portavoce del sedicente Esercito ...

Ricatto e riscatto africano

di Ilario Pedrini Lo sviluppo e l’uscita dalla povertà dipendono dagli africani. A dirlo ...