La piazza di Minsk

In 100mila contro il presidente Alexander Lukashenko nella capitale bielorussa. Manifestazioni anche nel resto del Paese. Decine di arresti. Cancellerie caute

Decine di migliaia di persone si sono radunate ieri nella capitale bielorussa, Minsk, nonostante gli avvertimenti di una possibile risposta pesante da parte delle autorità. Innalzando bandiere rosse e bianche e cantando slogan contro l’uomo forte del Paese – il presidente Alexander Lukashenko – i manifestanti hanno marciato scortati dalla polizia chiedendo le dimissioni del dittatore. Nel tardo pomeriggio, il media bielorusso indipendente Tut.by (da cui e’ tratta l’immagine di copertina veicolata da un video di Deutsche Welle) ha riferito che almeno 100.000 persone si erano radunate davanti al Palazzo dell’Indipendenza, in Victors Avenue, dove sono poi scoppiati alcuni scontri con la polizia:  riprese video hanno mostrato la polizia che colpiva alcuni manifestanti col manganello prima di portarli via con veicoli non contrassegnati.Decine di persone  – riferisce l’agenzia tedesca – sono state arrestate: secondo Viasna (organizzazione di difesa dei diritti)  175 a Minsk e 250 nel resto del Paese. Il ministero dell’Interno ha successivamente confermato all’agenzia di stampa russa Interfax che “non meno di 100” manifestanti erano stati arrestati. Nonostante monti la protesta contro il dittatore, le cancellerie restano caute anche in considerazione della forte alleanza con Mosca dove Lukashenko non e’ ben visto ma al momento viene ritenuto un elemento di stabilita’.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

{Red/Est)

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Una barca in più nel Mediterraneo

Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo aderisce alla campagna di sostegno e raccolta fondi di ResQ per mettere in mare un’altra nave che sostenga donne, uomini e bambini costretti a spostarsi da situazioni drammatiche o che vogliono inseguire il proprio sogno, com'è loro diritto

Poiché la morte in mare oggi è più attuale che mai, e le navi ...

Nervi tesi tra Belgrado e Pristina

Il dialogo tra Kosovo e Serbia, teso a normalizzare le relazioni tra i due Stati, è sempre più difficile. Oggi la situazione sembra ancor più critica ma c'è qualche luce all'orizzonte

di Elia Gerola Il dialogo tra Kosovo e Serbia, teso alla normalizzazione delle relazioni ...

Israele vs Gaza: scatta la tregua

Raggiunto un accordo per far tacere le armi