L’escalation del conflitto birmano

Mentre Tatmadaw fa sciogliere il partito di Aung San Suu Kyi la battaglia contro il golpe continua

di Emanuele Giordana

Il Paese è in fiamme col un crescendo costante di azioni di guerriglia urbana, incendi e bombe casalinghe di un movimento di boicottaggio sempre più violento e di azioni esemplari che si accompagnano allo scontro militare sui confini tra Tatmadaw, l’esercito della giunta, e le Ethnic Armed Organizations (EAOs), le milizie «etniche» delle autonomie regionali. Queste ultime hanno reclutato migliaia di nuovi giovani da addestrare come confermano le accuse rivolte in questo senso dal Tatmadaw agli eserciti delle autonomie. Del resto lo stesso State Administration Council (la giunta) offrirebbe 7000 kyat al giorno (oltre 4 dollari) per i figli dei soldati che si arruolino per condurre operativi su piccola scala nelle loro città natali. Una politica che dovrebbe essere attuata in Kachin, Shan e Kayin.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Secondo AAPP al 22 febbraio a febbraio erano 815: gli ultimi 3 sono caduti nella cittadina di Mindat (Chin) e a Lanmadaw (regione di Yangon). La zona di Mindat è sotto assedio da quando, il 24 aprile, i militari si sono rifiutati di rilasciare sette manifestanti. La gente del posto reagisce come può, anche sparando e i militari già annoverano morti e feriti. Il 17 maggio i media governativi hanno detto che che sono stati usati razzi da 107 mm per attaccare la base aerea di Taungoo e la sua unità militare a Bago (Nord di Yangon): una notizia (con foto di un razzo che si può sparare solo con artiglieria) che spiega meglio di molto altro come si stia innalzando il livello dello scontro. E’ la foto riprodotta qui accanto che abbiamo usato come copertina.

Intanto il nuovo organismo elettorale  nominato da Tatmadaw  ha dichiarato venerdì che scioglierà la Lega nazionale per la democrazia (Nld) per frode elettorale e agirà contro i traditori che hanno truccato il voto di novembre, da cui il partito di Aung San Suu Kyi è uscito vincitore come mai prima. Accuse ovviamente infondate (grazie alle quali si deve il golpe del 1 febbraio) e smentite dall’Asian Network for Free Elections, che aveva osservatori in più di 400 seggi durante il voto di novembre: un suo rapporto dice che il risultato del voto è stato «in linea di massima rappresentativo della volontà popolare» e che è «indifendibile» la decisione di ignorare il risultato elettorale.

La giunta ha anche inviato questa settimana a Mosca una delegazione militare guidata dal capo dell’aeronautica generale Maung Maung Kyaw: in ballo ci sarebbero 20 megaprogetti e l’approvvigionamento di armi e hardware militare che dovrebbe consentire di evitare un eventuale embargo mondiale sulla vendita di armi al Myanmar (per ora in alto mare). A far compagnia al generale anche il noto imprenditore U Tay Za (Htoo Group), volato da Singapore alla capitale del Myanmar con un jet privato per proseguire poi per Mosca con la delegazione. Figlio di un militare è stato in passato già colpito da sanzioni ed è ora nuovamente una carta che Tatmadaw si tiene stretta.

Il Nug e i Rohingya

Quanto al Nug (il governo ombra clandestino) risponde come può, anche con una mossa che sembra mirare a ingraziarsi l’Occidente dopo che gli Usa hanno sottolineato come nel suo esecutivo mancassero la comunità rohingya: il Nug avrebbe in mente di dare carte di identità per la minoranza espulsa e avrebbe conferito a Maung Zarni – attivista della causa rohingya – un posto al ministero della Cooperazione internazionale. Quale che sia il motivo, il fatto c’è e segna un’inversione di tendenza importante verso quel milione di musulmani espulsi dal Paese nell’arco di pochi anni e che ora vive accampato in Bangladesh.

Continua intanto  la mobilitazione della società civile anche in Italia: a Milano, sabato prossimo  29 maggio in Duomo, si svolgerà, alla presenza dell’arcivescovo Mario Delpini, una preghiera collettiva buddista-cattolica richiesta dalla comunità italo-birmana.

 

A sinistra la locandina della manifestazione del prossimo 29 maggio a Milano. La foto di copertina e dell’interno è riprodotta da questo articolo di Irrawaddy

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Il venerdì nero del coronavirus

Dichiarata emergenza globale dall'Oms l'epidemia ha già un bilancio di 213 morti e oltre 9.300 casi conclamati

Il comunicato ufficiale del direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato il 30 ...

La rivolta dei cileni

Migliaia di persone sono scese in piazza per manifestare contro il rialzo del prezzo della metro e le disuguaglianze del Paese. Le ragioni delle proteste represse nel sangue

di Alice Pistolesi* Proteste e repressione nell’ottobre cileno. Da martedì 15 Santiago e molte ...

Organi che non suonano

di Andrea Tomasi Dal 5% al 10% dei reni e dei fegati trapiantati ogni ...