L’incerto futuro della Bosnia

Sempre più a rischio una pace fragile. Stretta tra  aspirazioni nazionalistiche e congelamento di antiche tensioni

di Maddalena D’Aquilio

Sono passati ventisei anni dalla firma degli accordi di Dayton e dalla fine della guerra in Bosnia. Più che una pace fu il congelamento del conflitto interetnico, ma la tensione è rimasta costante e palpabile. La guerra in Bosnia, con le sue atrocità e oltre 100.000 morti, rimane un segno indelebile nella storia d’Europa e non solo. Una ferita mai rimarginata, alimentata da accuse e recriminazioni reciproche. Il sistema bosniaco appare, più che altro, un rattoppo instabile e complicato. Ora però la situazione si è davvero aggravata: non si tratta più soltanto di proclami, ma azioni concrete. Il trattato di Dayton è a rischio; soprattutto è in pericolo la pace. Tutto prende avvio dalle aspirazioni secessioniste di Milorad Dodic, l’ex presidente della Republika Srpska (RS), l’entità serba in Bosnia Erzegovina, e attuale membro del consiglio di Presidenza. La Presidenza bosniaca è tripartita, ciascuno a rappresentare un’etnia: bosniacchi, croati e serbi. Le due entità autonome che compongono lo Stato bosniaco sono quella croata-bosniacca da un lato e quella serba dall’altro. … (continua: leggi tutto su Unimondo)

In copertina un’immagine di Miguel Alcântara

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Yemen: un fragile accordo

Il testo firmato a dicembre 2018 fatica a essere applicato dalle parti in conflitto. Alcuni dei punti critici e i tentativi dell'Onu

Si regge su un filo di lana l’accordo per il cessate il fuoco in Yemen, raggiunto ...

Iran atomico, un film da rifare

Gli Stati Uniti si sfilano dall'accordo sul nucleare. Tra le istituzioni e la popolazione iraniana c'è preoccupazione e senso di insicurezza. Ai microfoni di Caravan la giornalista Marina Forti dice: «Gli Usa di Trump deludono e sono pericolosi». Colpo mortale all'economia e alla stabilità del Paese

di Andrea Tomasi Gli iraniani non ci stanno a fare la parte dei cattivi. ...

L’importanza di chiamarsi Macedonia

Analisi del referendum consultivo che chiedeva di esprimersi in merito all’accordo con la Grecia sulla  ridenominazione dello Stato. Meno del 50% degli aventi diritto  si è recato alle urne. E il risultato ora complica le cose

di Elia Gerola. Domenica 30 settembre 2018 si è tenuto nella ex Repubblica jugoslava ...