Myanmar: la Lega ha vinto. Cosa rischia di perdere?

I dati ormai sono ufficiali e incontestabili: una vittoria a valanga ancor più che nel 2015. Ma restano le incognite di sempre sul futuro del Paese asiatico

di Emanuele Giordana

Da oggi il risultato ufficiale delle elezioni birmane è ufficiale: la Lega nazionale per la democrazia (Lnd) ha vinto 396 seggi, sei in più’ del 2015 quando già si era parlato di effetto “valanga”. Vincitrice della prima elezione del Myanmar che si sia svolta sotto un governo civile la Lnd incassa 258 scranni alla Camera bassa e 138 alla Camera alta e ha dunque ha ampiamente superato i 322 seggi necessari, nelle due Camere, per formare un nuovo governo. La Lega può vantare un consenso che ha riproposto un sostegno esteso mentre ne escono con le ossa rotte i militari e il loro partito per la solidarietà e lo sviluppo che, tanto per stare in linea con il trend generale, aveva subito contestato i risultati preliminari chiedendo una Commissione di indagine sotto l’egida dell’esercito.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Sull’andamento del voto anche le organizzazioni di monitoraggio del voto han sollevato questioni su alcune irregolarità ma non c’è abbastanza per dichiarare nullo un plebiscito per altro largamente previsto, nonostante i dubbi per via del Covid-19 e per i tanti risultati mancati nelle promesse fatte nel 2015 quando si svolsero le prime elezioni libere. La Lega intanto ha aperto il dialogo con 39 parti “etnici” (che rappresentano le varie nazionalità del Paese, esclusi ovviamente i Rohingya) per fare dell’Unione repubblicana birmana – com’è ora – una Federazione, passaggio fondamentale anche per far si che la guerra tra Bamar e altre nazionalità smetta di consumare vite ed energie.

Persino Tatmadaw, il nome con cui sono noti i militari birmani, sembra in realtà prepararsi già al futuro governo della Lega, tanto che l’altro ieri ha fatto sapere che sarebbe d’accordo a un nuovo riavvio del processo di pace già in corso con diversi gruppi armati (per ora 10), includendo nel negoziato anche quelli che non hanno ancora siglato l’Accordo di cessate-il-fuoco (Nca), precondizione che hanno sempre ritenuto (e imposto) come pregiudiziale e che, cadendo, aprirebbe la strada al dialogo con almeno altre sette formazioni. Resta da vedere cosa fare con l’Arakan Army, protagonista del conflitto più recente negli Stati Chin e Rakhine. La Lega sarebbe disposta a negoziare. I militari, che hanno inserito l’AA tra i gruppi terroristi, han sempre detto no. Quanto a un eventuale colpo di coda degli uomini in divisa, difficile pensare che abbiano in mente qualche azione spericolata. Del resto Tatmadaw ha dalla sua la Costituzione che gli garantisce il 25% dei seggi e tre dicasteri chiave oltre al fatto che la Carta non prevede che Aung San Suu Kyi possa diventare premier o presidente in quanto sposata con uno straniero. Non avranno dunque bisogno di ricorrere all’articolo della Suprema legge che dà loro la possibilità, in caso di grave attentato alla sicurezza nazionale, di sciogliere il governo ristabilendo una giunta.

Questa pesante eredità della dittatura resta comunque anche il maggior ostacolo su una vera via democratica e nulla in Myanmar può mai dirsi scontato anche perché la Lega ha già provato a emendare la Carta senza riuscirci, proprio grazie al potere che la Costituzione garantisce a Tatmadaw visto che gli emendamenti devono essere approvati dal 75% dei parlamentari più uno: impossibile se i militari hanno per legge il 25%.
La questione rohingya, della quale solo i giornali stranieri hanno molto parlato, in Myanmar è scivolata nel silenzio. E per farsene un’idea basta guardare la pagina Fb dell’Unione europea (EuinMyanmar) che qualche giorno fa ha postato una dichiarazione con cui l’Europa ricordava il dossier della comunità musulmana rifugiatasi in maggioranza in Bangladesh. Decine di commenti invitavano al Ue a farsi gli affari suoi. Ma è anche vero che gran parte dei messaggi erano ripetuti identici solo con nomi diversi: una tattica fin troppo scoperta per far sembrare la situazione dei Rohingya solo una preoccupazione degli altri. In gran parte è così, eppure una giovane studentessa di Mandalay ha affrontato proprio con noi prima del voto il delicato argomento, senza risparmiare critiche ad Aung San Suu Kyi. Una mosca bianca, certo, ma il cui volo promette una speranza di riscatto. Chissà se lo sarà anche per la Nobel, icona dei diritti umani, ora volto segnato da un dramma che non si può dimenticare.

In copertina Aung San Suu Kyi durante un comizio

Nella scheda, i risultati riportati oggi dal Myanmar Times

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Siria e Mediterraneo, dopo il raid

Bombe, aerei da combattimento, droni. Tutto è pronto, dopo il raid aereo della notte tra venerdi e sabato, per un'eventuale escalation. Ecco quali basi militari possono essere utilizzate nel Mediterraneo. L'analisi del professor Antonino Alì, docente di diritto internazionale

di Andrea Tomasi L’uso delle armi chimiche, che hanno causato la morte di civili, ...

Yemen: “la tempesta perfetta”.

Mentre l'ultima tregua sembra aver fallito e 31 dei 41 progetti umanitari Onu sono a rischio, Covid-19 è giunto nel Paese: che impatto avrà su popolazione e  conflitto?

di Elia Gerola Il 9 aprile 2020 il conflitto yemenita è entrato in una ...

Lesbo, sopravvivere nell’emergenza

Un incendio prima e un'alluvione poi hanno reso la vita dei profughi a Lesbo ancora più infernale. L'intervista a Martina Martelloni di Intersos

di Alice Pistolesi Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un incendio ...