Nel Salvador il più grande carcere delle Americhe

Una megael Faroprigione per 40mila membri delle gang. Ma il prezzo della sicurezza é la democrazia

di Maurizio Sacchi

Nayib Bukele, il presidente di El Salvador, ha ispezionato quella che sarà la più grande prigione delle Americhe, dopo aver lanciato una “guerra” contro le gang dieci mesi fa.  Questo “Centro di Confinamento per il Terrorismo”, come viene chiamato dal governo, ospiterà 40.000 membri delle gang su un’area di 166 ettari con una dozzina di padiglioni che occuperanno 23 ettari, secondo quanto dichiarato da Romeo Rodríguez, ministro dei lavori pubblici, alla radio e alla televisione locale. Le carceri esistenti di El Salvador possono ospitare fino a 30.000 persone, e questa nuova prigione ré destinata a più che addoppiare la popolazione carceraria. 

Il Presidente Bukele

Ha un muro di cinta di 2,1 chilometri, che sarà sorvegliato giorno e notte da 600 soldati e 250 agenti di polizia. All’interno, la sicurezza sarà garantita dalle guardie della Direzione Generale dei Centri Penali. Le celle del carcere sono in cemento armato e hanno spesse sbarre d’acciaio, hanno pozzi propri per estrarre l’acqua potabile e si prevede che i detenuti dovranno lavorare all’interno. La costruzione di questo carcere è avvenuta tra le critiche delle organizzazioni umanitarie,  come Human Rights Watch (Hrw), che ritiene che il centro violi gli standard internazionali delle Nazioni Unite sul trattamento dei prigionieri. e dell’opposizione, che ha evidenziato una mancanza di trasparenza, dovuta principalmente all’approvazione da parte dell’Assemblea Legislativa, dominata dal partito al potere,.

Anche il regime eccezionale decretato in El Salvador nel marzo 2022 per combattere l’ondata di omicidi ha sollevato dubbi tra gli osservatori internazionali. Si tratta di una misura che Bukele definisce una “guerra” contro le bande, sono stati arrestati più di 62.900 presunti membri di bande e ci sono state più di 7.400 denunce di violazioni dei diritti umani. Questo regime sospende il diritto alla difesa e l’inviolabilità delle telecomunicazioni, oltre a estendere il periodo di detenzione preventiva a quindici giorni, quando normalmente è di tre giorni.  Lo stato di emergenza ha portato quasi il 2 percento  della popolazione adulta a finire dietro le sbarre. Secondo i dati di Statista, El Salvador ha il più alto tasso di incarcerazione al mondo.la popolazione carceraria del Paese è raddoppiata in 10 mesi, soprattutto a causa di arresti arbitrari, mentre l’Ong  Cristosal riporta 102 morti in carcere nell’ultimo anno. Un’altra caratteristica del centro è che i detenuti non lasceranno il carcere per le udienze. Sia le procedure giudiziarie che i processi di ogni tipo dovranno essere svolti all’interno del carcere, in modo tale che non lascino mai la struttura.

Oscar Martínez, giornalista di El Faro, ha dichiarato che benché la misura di Bukele sia “antidemocratica e contraria ai diritti umani“, è riuscita a “distruggere il controllo delle bande come lo conoscevamo“. Tuttavia, questo non significa che non ci siano più membri di bande nel paese, ma piuttosto che la struttura conosciuta è stata smantellata e oggi ci sono diversi interrogativi sul futuro delle bande. Carlos Dada, giornalista e direttore di El Faro, ha aggiunto che “la democrazia è stata smantellata” nel Paese, poiché oggi qualsiasi cittadino può essere arrestato per strada senza un mandato.  Un editoriale dello stesso El Faro mette in luce gli aspetti più profondi di quanto avviene nel Paese centroamericano. Lo riportiamo in larga misura dal momento che fornisce un quadro molto dettagliato e con un punto di vista locale (a fianco uno screenshot del portale telematico  di El Faro):

 

“La  visibile assenza di strutture malavitose in molte comunità di El Salvador è una grande notizia per tutti i salvadoregni, ma in particolare per coloro che hanno vissuto per decenni sotto il controllo di questi gruppi criminali. Lo smantellamento delle bande ha un’enorme capacità di trasformare la vita del Paese. (…) L’evoluzione delle bande in tutti questi anni, da gruppi di giovani emarginati a vere e proprie strutture criminali che hanno contestato il controllo dello Stato su una parte significativa del territorio e, soprattutto, della popolazione, è il ritratto di come la classe politica che abbiamo ereditato dalla Guerra Civile abbia deluso i cittadini. (…) 

Per la maggior parte dei salvadoregni, la democrazia ha perso il suo valore perché è incapace di risolvere i problemi più urgenti del Paese, tra cui, fondamentalmente, l’insicurezza e il terrore causato dalle bande. Per decenni la democrazia è stata, se non altro, astratta per i settori popolari di El Salvador. Le bande, invece, erano una presenza quotidiana e schiacciante.  Ma le bande non sono nate spontaneamente. Sono state l’espressione più cruda e violenta di una società decadente e corrotta che offre poche opportunità alla maggior parte della popolazione ed è segnata dalla povertà (…) e dalla disuguaglianza, 

Il regime di Bukele è passato da un patto con queste strutture criminali alla repressione quando il patto è stato rotto. Il controllo di queste comunità è stato portato avanti dall’esercito e dalla polizia, durante un regime di eccezione che ha permesso loro di diventare procuratori e giudici e di detenere senza mandato qualsiasi cittadino ritenuto sospetto (…).

I salvadoregni hanno rinunciato alla presunzione di innocenza, alla legittima difesa, a un processo equo e al diritto di avere istituzioni che controllino e sanzionino gli abusi commessi dal governo. Abbiamo rinunciato allo stato di diritto, che implica il rispetto della legge e della Costituzione. Abbiamo rinunciato alla libera espressione delle idee, alla libertà di dissenso, alla separazione dei poteri,(…). L’assenza di bande, visibile in El Salvador per la prima volta dopo molto tempo, è un cambiamento fondamentale nella vita di migliaia di salvadoregni. Ma il prezzo che abbiamo dovuto pagare per questo è molto alto. Il rimedio potrebbe rivelarsi dannoso quanto la malattia”.

Nell’immagine in copertina, l’arresto di un membro delle maras 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Lo strano volo nella notte del lockdown

Prove tecniche a Pisa per un nuovo rivoluzionario velivolo a pilotaggio remoto per controllo e  sorveglianza? Un'inchiesta dell'Atlante

L’inchiesta che pubblichiamo oggi era già pronta in maggio quando il nostro collaboratore aveva ...

Nonviolenza in azione. Iniziative e protagonisti

L'ultimo libro di Gaia - Rivista dell'Ecoistituto Alex Langer e del suo Direttore Michele Boato traccia i ritratti di oltre un centinaio di persone

L’ultimo libro di Gaia – Rivista dell’Ecoistituto Alex Langer e del suo Direttore Michele ...

Il racconto di Konate

La storia di un migrante maliano: la partenza, il carcere libico e il ritorno