Nuove forniture franco-italiane alla giunta birmana

Dopo l'affaire Cheddite. Ennesima denuncia di Italia-Birmania insieme, Amnesty International, Rete italiana Pace e Disarmo e Atlante delle Guerre

L’associazione Italia-Birmania insieme, Amnesty International, Rete italiana Pace e Disarmo e Atlante delle Guerre denunciano la possibilità che sia stato aggirato ancora una volta l’embargo sulle armi e sulle esportazioni di attrezzature che possono essere utilizzate per la repressione interna e chiedono un chiarimento da parte del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Un articolo del giornale ufficiale della dittatura “The New Light of Myanmar” riporta come nel corso delle celebrazioni per il 74° anniversario dell’aeronautica militare birmana, alla presenza del comandante in capo delle forze armate birmane, nonché́ autoproclamato capo del SAC, vi sia stata l’inaugurazione di alcuni velivoli modificati e ammodernati. Tali velivoli includono un ATR-72 600, un Airbus Eurocopter, un Y-12, Yak-130 e K-8. Gli aerei ATR-72 600 sono prodotti in Francia da ATR, joint venture tra la francese Airbus e l’italiana Leonardo Corporation, mentre gli Eurocopter sono prodotti in Francia da Airbus. La sede centrale di Airbus si trova nei Paesi Bassi.

L’associazione Italia-Birmania insieme, Amnesty International, Rete italiana Pace e Disarmo e Atlante delle Guerre, ricordano che nei confronti della Birmania-Myanmar è tuttora in vigore l’embargo stabilito nel 1996 da parte dell’Unione Europea di “armi e munizioni” e tale embargo comprende anche “le parti di ricambio, le riparazioni, la manutenzione e il trasferimento di tecnologia militare” e, dal 26 aprile 2018 include anche “il divieto di esportazione di beni a duplice uso per gli utenti finali militari e della Polizia di frontiera, restrizioni all’esportazione di apparecchiature per il monitoraggio delle comunicazioni che potrebbero essere utilizzate per la repressione interna e per l’addestramento militare e la cooperazione militare”.

Le quattro organizzazioni denunciano la gravità della violazione dell’embargo, soprattutto a fronte dell’intensificarsi degli attacchi militari di tipo terroristico nei confronti di popolazioni inermi in tutta la Birmania. Attacchi aerei indiscriminati si sono registrati nelle ultime settimane in alcuni Stati e regioni del paese, con l’uccisione di civili, la distruzione e l’incendio di centinaia di edifici. Questi attacchi, che equivalgono a crimini di guerra e crimini contro l’umanità, hanno prodotto ad oggi oltre 300.000 sfollati, che sono andati ad integrare il già̀ elevatissimo numero di sfollati interni.

Secondo ACLED, (sito specializzato in analisi dei dati e la mappatura dei luoghi connessi ai conflitti armati), in Birmania si è registrato un aumento esponenziale degli scontri armati e degli attacchi dell’esercito del SAC rispetto al 2020, che hanno causato almeno 1,346 vittime. Tra il 1° febbraio e il 26 novembre, in Myanmar si sono registrati più̀ scontri e attacchi armati rispetto allo Yemen e all’Afghanistan. Come è successo per l’azienda italo francese, Cheddite, che produce bossoli da caccia, la Giunta militare birmana può effettuare importazioni di armi e munizioni e materiali dual-use aggirando i controlli sugli armamenti, attraverso reti di broker privati e di compagnie aeree gestite da reti clientelari.

Le organizzazioni italiane sottolineano la gravità di tali notizie, ed evidenziano infine come la Francia – Paese con cui lo scorso 26 novembre l’Italia ha firmato il “Trattato del Quirinale”, che prevede anche una specifica collaborazione in campo industriale e militare – è membro permanente del Consiglio di Sicurezza ONU, lo stesso Consiglio che non riesce ad adottare un embargo internazionale sulle armi, nei confronti della Giunta militare birmana, a seguito del recente colpo di Stato.

L’immagine di copertina è tratta da un video della TV statale birmana

Tags:

Ads

You May Also Like

Il dramma di Sulawesi

La catastrofe  che si è abbattuta sull'Indonesia orientale è il simbolo dei tanti disastri naturali del pianeta. Ma la vicenda di Palu ricorda una storia di dolore dovuta anche all'uomo

di Emanuele Giordana L’immagine dall’alto pubblicata ieri dall’emittente del Qatar Al Jazeera mostra un ...

Camerun, partite e diamanti sporchi

di Ilario Pedrini La maggior parte di noi de Camerun non conosce nulla. Per ...

Yemen: un fragile accordo

Il testo firmato a dicembre 2018 fatica a essere applicato dalle parti in conflitto. Alcuni dei punti critici e i tentativi dell'Onu

Si regge su un filo di lana l’accordo per il cessate il fuoco in Yemen, raggiunto ...