Obiettivo Volodymyr Zelensky

La Russia vuole sostituire il Capo di Stato ucraino  con un governo che gli sia alleato. Ma il Presidente resiste

Putin chiede all’esercito ucraino di “prendere il potere” a Kiev e di rimuovere Zelensky. Il Presidente russo ha detto che ciò favorirebbe le trattative con  Mosca secondo cui l’esercito russo – parole di Putin –  sta combattendo una “banda di drogati e neonazisti”

di Raffaele Crocco

Il presidente Volodymyr Zelensky ha detto “io resto”. Lo ha detto a brutto muso e non è un passaggio secondario in questa guerra che Putin vorrebbe lampo contro l’Ucraina. L’obiettivo vero dell’operazione, dicono gli analisti, sarebbe proprio lui, Zelensky, comunque simbolo di un governo che Mosca sente nemico, perché troppo vicino all’Europa e troppo lontano da quella neutralità da vassallo che Putin vorrebbe.

I russi attaccano l’Ucraina e Kiev da metà settimana. Non possono giustificare la guerra con la scusa di difendere le due autoproclamate repubbliche secessioniste del Donbass. Aerei e artiglieria stanno colpendo troppo lontano da quelle terre per poter sostenere che l’intervento serve a definire il futuro confine dei separatisti.
E’ un attacco in profondità quello di Putin, mirato, preparato con cura sul piano militare e sorretto da un progetto politico passato per l’alleanza strategica con la Cina. Il presidente russo vuole ridefinire i confini con la Nato, ricreare la Grande Russia zarista e, nel contempo, alzare il peso specifico della Russia sulla scena mondiale.

Per farlo ha scelto di scatenare la guerra. I combattimenti, in questi giorni, proseguono durissimi. Dopo le prime 24 ore si parlava già di almeno 140 soldati ucraini morti e 300 feriti. I caduti russi sarebbero almeno 800, con perdite pesanti anche in termini di mezzi: 130 veicoli corazzati, 30 carri armati, almeno sette aerei abbattuti. Anche fra i separatisti le vittime sarebbero centinaia. L’esercito ucraino resiste, come chiede il Presidente che non abbandona la capitale ormai assediata.  “Forze nemiche di sabotaggio sono entrate a Kiev, ma io resto qui’, ha spiegato. “Anche se la Russia mi ha identificato come obiettivo numero uno e i miei familiari come obiettivo numero due, io non me ne vado”. Poi, ha attaccato Europa e Stati Uniti: “Il destino del Paese – ha detto – dipende dai nostri soldati e dal nostro popolo. L’Ucraina è stata lasciata sola a combattere la Russia. Chi è pronto a combattere con noi? Non vedo nessuno. Chi è pronto a dare all’Ucraina una garanzia di adesione alla Nato? Tutti hanno paura”. 

Parole durissime, che rimbalzano sull’indignazione manifestata da Washington e dalle cancellerie europee. Gli Usa si dicono pronti ad accettare profughi ucraini, con le truppe americane che aiuteranno i Paesi europei a trasportare i rifugiati. Biden si è detto sdegnato per quanto accade e ha varato una serie di sanzioni economiche che dovrebbero – ha detto – piegare Mosca nel medio periodo. Poi, insieme all’Albania, ha chiesto il voto in Consiglio di Sicurezza Onu sulla bozza di risoluzione che condanna l’aggressione della Russia. Si rischierano uomini e truppe. I soldati nato presidiano i confini con la Russia nei Paesi Baltici, in Polonia. Gli aerei pattugliano i cieli dell’Est Europa. Intanto, Svezia e Finlandia stanno seriamente pensando di entrate nella Nato e Putin rialza il tiro, torna a minacciare: ”Conseguenze molto serie se questo accadrà”, ha dichiarato.

Intanto, si segue la strada delle sanzioni. Sono state bloccate le forniture tecnologiche e industriali, sequestrati i conti di oligarchi e imprenditori russi, proibito il commercio con le repubbliche separatiste. Non è stata però esclusa Mosca dal sistema internazionale bancario SWIFT, che consente i pagamenti. E non è stato in alcun modo trattato il gas, che resta fuori dalle sanzioni. Una scelta che molti hanno giudicato troppo morbida, di facciata. La solitudine dell’Ucraina cresce e le accuse al Mondo di Zelensky restano senza risposta. Lui resta nella capitale, con il paese mobilitato. Tutti gli uomini fra i 18 e i 60 anni sono in allarme: la guerra lampo di Putin potrebbe durare molto, molto più tempo di quanto il presidente russo immaginasse.

In copertina il Presidente ucraino

Tags:

Ads

You May Also Like

Mali, civili sempre più in pericolo

Preoccupante impennata delle violazioni dei diritti umani e dell'impunità. I dati dell'Ohchr

La resistenza civile del Myanmar (2)

Le foto da Yangon che raccontano la reazione della gente contro il golpe militare e  in appoggio ad Aung San Suu Kyi. Ma i militari annunciano il giro di vite

Etiopia-Tigrai: a rischio tutta la Regione

Il conflitto interno potrebbe avere forti ripercussioni su tutta l'area. Nell'intervista a Enzo Nucci alcuni scenari e il punto sulla guerra

di Alice Pistolesi Non si ferma la guerra tra l’esercito etiope e il Fronte ...