Contro lo spezzatino bosniaco. Un appello

I rischi di un'ennesima disintegrazione dell'unità statale della Bosnia Erzegovina

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo appello – La lista dei firmatari qui

Nell’ottobre 2021 la coalizione di governo nell’entità bosniaca ed erzegovina della Republika Srpska (RS) ha adottato un piano per creare quella che ha definito “una RS indipendente all’interno della Bosnia ed Erzegovina di Dayton”. Un documento di sette pagine ha delineato passi concreti per l’acquisizione unilaterale, illegale e incostituzionale delle competenze a livello statale in materia fiscale, giudiziaria, della difesa, della sicurezza e in molti altri settori. Questo piano è disponibile pubblicamente e, tra l’altro, prevede l’uso della forza contro qualsiasi istituzione a livello statale che tenti di difendere l’ordine costituzionale della Bosnia ed Erzegovina. L’attuazione del piano provocherà il crollo dell’architettura costituzionale e istituzionale della Bosnia-Erzegovina. Avrà conseguenze politiche, economiche e di sicurezza terribili. Con diversi passi concreti già intrapresi, la coalizione di governo nella RS ha chiarito che intende attuare il suo piano.

Il 10 dicembre 2021 l’Assemblea della RS ha adottato quattro conclusioni sul cosiddetto “trasferimento di poteri” e una cosiddetta “dichiarazione sui principi costituzionali” con cui l’organo legislativo della RS ha deciso de facto e de jure di rimuovere tale entità dal ordinamento costituzionale e giuridico statale della Bosnia-Erzegovina nei settori della magistratura, della difesa e della sicurezza e della fiscalità indiretta. Inoltre, l’assemblea della RS ha incaricato e conferito al governo della RS il potere di redigere nuove leggi sulle entità su: l’esercito della RS, il servizio di intelligence della RS, il sistema di tassazione indiretta della RS e l’Alto consiglio giudiziario e del pubblico ministero della RS, nonché più di 130 altre leggi e regolamenti necessari in vari settori in cui RS abolirà e sostituirà le leggi e i regolamenti statali rispettati con quelli delle entità

Poiché né la costituzione dello Stato o dell’entità RS, né le leggi dello Stato o dell’entità consentono alcuna possibilità per le istituzioni dell’entità di emettere decisioni o leggi giuridicamente valide su materie già imposte e regolate dalla costituzione o dalle leggi dello Stato, le azioni e le decisioni di cui sopra L’assemblea della RS dal 10 dicembre 2021 è un’usurpazione illegale del potere statale e un atto criminale contro l’ordine costituzionale e legale dello stato. Entro ottobre 2021 la RS ha adottato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la legge incostituzionale sull’entità, che ha abolito la convalida della legge a livello statale che vieta la negazione del genocidio nell’ambito della RS. Il 28 dicembre 2021 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale un’altra legge incostituzionale. Questa legge sull’Agenzia RS per i medicinali e i dispositivi potrebbe, come ha osservato la Commissione europea nella sua recente lettera alle autorità RS, portare a un crollo del mercato dei medicinali e privare i cittadini della medicina di base.

Questa crisi in Bosnia Erzegovina non ha nulla a che vedere con le relazioni interetniche; è una crisi artificiale provocata da nazionalisti corrotti e dai loro partner. Non hanno il supporto dell’opposizione nell’Assemblea della RS, né della maggioranza dei cittadini della Bosnia ed Erzegovina, compresi quelli che vivono nella RS. Il Paese è ora trascinato in una crisi politica che minaccia la pace ed è necessaria una risposta significativa, solida e coordinata da parte dell’Alto Rappresentante della Comunità Internazionale, lo stesso Christian Schmidt, delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti, dell’Unione Europea e dei suoi alleati della NATO. La mancanza di tale risposta finora è servita solo a incoraggiare le ambizioni di Dodik e della sua coalizione di governo. Particolarmente preoccupanti sono le dichiarazioni di funzionari del governo in Serbia, che hanno espresso il loro sostegno al piano di coalizione di governo nella RS. Accanto a questo, i secessionisti della RS godono del forte sostegno di Russia, Cina e persino di alcuni stati membri dell’UE come l’Ungheria, il cui nazionalismo aperto, xenofobia e sentimento anti-musulmano è molto dilagante.

Invece di respingere, alcuni nella comunità internazionale stanno solo incoraggiando le aspirazioni di secessione di Dodik e il desiderio di minare e infine distruggere la Bosnia ed Erzegovina come stato sovrano. Tuttavia, ci sono ragioni molto serie per cui la Bosnia-Erzegovina ha bisogno non solo di essere preservata come stato sovrano, ma anche ulteriormente rafforzata. La Bosnia ed Erzegovina è un’entità culturale specifica che esiste da più di 1000 anni, dove da secoli convivono cittadini di diverse origini etniche e tradizioni religiose. Ancora oggi, nonostante la guerra degli anni ’90, un gran numero di cittadini accetta l’esistenza e la legittimità dello stato di Bosnia ed Erzegovina. Lo studio sui valori europei del 2019 ha mostrato che il 74% della popolazione è orgogliosa di avere la cittadinanza bosniaca ed erzegovina. Questo sentimento è il più forte nel distretto di Brcko (88 percento), mentre nella RS il 66 percento condivide questo punto di vista.

Né l’accordo di pace né la costituzione prevedono il diritto alla secessione. Sarebbe un disastroso precedente storico se all'”entità” i cui leader politici e militari (così come il suo esercito e la polizia) sono stati condannati per gravi crimini di guerra e genocidio, con oltre un milione di persone espulse, fosse “concessa” l’indipendenza. Negli ultimi 26 anni, l’UE ei suoi Stati membri, gli Stati Uniti e altri paesi del mondo e molte organizzazioni internazionali hanno investito molte risorse politiche, diplomatiche, umane e finanziarie per mantenere la pace e ricostruire il paese. I cittadini della Bosnia ed Erzegovina, croati, bosniaci, serbi, ebrei, rom e tutti quei bosniaci che non si identificano con un determinato gruppo etnico, vogliono vivere in pace e armonia, nutriti dalla democrazia.

Il 10 gennaio 2022, bosniaci ed erzegovini di tutte le etnie e religioni, atei e agnostici, insieme ai loro amici di tutto il mondo si riuniranno a Bruxelles, Ginevra, Londra, Vienna, Oslo, Ottawa, Toronto, Roma, Stoccolma, Sarajevo e molte altre città in tutto il mondo per difendere la Bosnia ed Erzegovina unita, per il suo pluralismo, coesistenza e conservazione e per presentare le seguenti richieste all’Alto Rappresentante dell’Internazionale Community, Christian Schmidt, nonché alla Commissione Europea e ai governi degli Stati Uniti, del Regno Unito, degli Stati membri dell’Unione Europea e degli alleati della NATO: 

1. Il piano adottato e attualmente attuato dalla coalizione di governo nell’entità bosniaca ed erzegovina della Republika Srpska dovrebbe essere riconosciuto come un attacco alla pace duratura, ordine costituzionale, sovranità, integrità territoriale e indipendenza trentennale della Bosnia-Erzegovina e come minaccia alla pace, alla stabilità e alla sicurezza nei Balcani occidentali e in Europa.

2. Dovrebbe essere sviluppata e attuata in via prioritaria una risposta significativa, solida e coordinata, concentrandosi principalmente sulla dissuasione delle forze locali di destabilizzazione e sui mentori stranieri, e quindi concentrandosi su approcci costruttivi e riformatori. Questa risposta dovrebbe includere un mix di interventi, a cominciare dalle sanzioni e dal rafforzamento della presenza militare NATO/EUFOR come chiaro segnale politico.

3. Sostenere le istituzioni nazionali nella loro risposta all’attacco all’ordine costituzionale della Bosnia-Erzegovina. Innanzitutto, fornendo pieno supporto alla Corte costituzionale della Bosnia ed Erzegovina per rivedere le due leggi già approvate e tutte le altre che potrebbero essere approvate dall’Assemblea della RS. Inoltre, fornendo supporto politico e tecnico alla magistratura a livello statale per indagare sull’attacco all’ordine costituzionale della Bosnia-Erzegovina.

4. Le recenti dichiarazioni e attività di alti funzionari del governo della Repubblica di Serbia stanno violando il principio delle relazioni di buon vicinato, che sono al centro dei colloqui di adesione all’UE e una violazione dell’accordo di stabilizzazione e associazione tra l’UE e Serbia. Gli Stati membri dell’UE dovrebbero prendere in considerazione la sospensione dei colloqui di adesione con la Serbia a meno che il suo governo non cambi la sua posizione nei confronti della Bosnia-Erzegovina, compresa quella relativa ai crimini di guerra e al genocidio degli anni ’90.

Jan Pronk Bivši ministar u Vladi Nizozemske i bivši poslanik u Parlamentu Evropske Unije
Tineke Strik Poslanica u Parlamentu Evropske Unije
Tanja Fajon Poslanica u Parlamentu Evropske Unije
Klemen Grošelj Poslanik u Parlamentu Evropske Unije
Irena Joveva Poslanica u Parlamentu Evropske Unije
Thomas Waitz Poslanik u Parlamentu Evropske Unije
Romeo Franz Poslanik u Parlamentu Evropske Unije, predsjedavajući Delegacije EU parlamenta za odnose sa BiH i Kosovom
Thijs Reuten Poslanik u Parlamentu Evropske Unije
Bert Bakker Bivši poslanik u Parlamentu Nizozemske
Christian Schwarz-Schilling Bivši Visoki predstavnik za BiH (2006-2007) i bivši savezni ministar SR Njemačke
Valentin Incko Bivši Visoki predstvanik u BiH (2009-2021)
Francis Boyle Generalni agent za Republiku BiH s izvanrednim i opunomoćenim ovlaštenjima pred Međunarodnim sudom pravde
Raif Dizdarević Bivši Predsjednik i član Predsjedništva SFRJ i Predsjednik Predsjedništva SR BiH
Stjepan Mesić Bivši Predsjednik Republike Hrvatske
Mirko Pejanović Biši član Predsjedništva Republike Bosne i Hercegovine
Miro Lazović Bivši Predsjednik Narodne skupštine Republike Bosne i Hercegovine
Sven Alkalaj Ambasador Bosne i Hercegovine u Ujedinjenim nacijama
Jasenko Selimović Bivši poslaniku u Parlamentu Evropske Unije
Budimir Lončar Diplomata i bivši Ministar inostranih poslova SFRJ
Vesna Pešić Bivša poslanica Narodne skupštine Srbije…. Leggi tutti la lista dei firmatari qui

Tags:

Ads

You May Also Like

Più italiani, cresce il numero di chi ottiene la cittadinanza

Non più stranieri ma cittadini italiani a tutti gli effetti.  E’ aumentato rapidamente negli ...

“No Nation Fashion”, moda senza confini

Una collezione che travalica le frontiere. Presentata a Sarajevo Il 18 dicembre in occasione della Giornata Internazionale dei Migranti

di Raffaele Crocco Hanno iniziato riparando i vestiti che avevano addosso o cucendo le ...

L’invasione turca sul tavolo della Ue

Cosa dobbiamo aspettarci dalla riunione dei ministri degli Esteri dell'Unione che inizia oggi a Lussemburgo. Ankara è nel mirino per curdi e trivellazioni a Cipro. In agenda stop alla vendita di armi e sanzioni. Chi spinge e chi frena

Ci sono diversi temi sul tavolo del Consiglio degli Affari esteri che si riunisce ...