Thailandia: riparte il dialogo con la guerriglia

Governo e combattenti islamici  tornano al tavolo negoziale.Mentre Bangkok ordina nuovi caccia da combattimento

Il dialogo tra il Governo tailandese e il principale gruppo ribelle muuslmano che combatte nel Sud del Paese  è ricominciato. Lo hanno detto all’agenzia Reuters i partecipanti a un incontro svoltosi  conclusosi all’in izio della settimana. l’incontro tra la delegazione governativa e i rappresentanti del Barisan Revolusi Nasional (BRN) si sono svolti lunedì e martedì a Kuala Lumpur, in Malaysia. Si tratta del  primo contatto da quando il processo è stato interrotto a causa della pandemia Covid19. Oltre 7.300 persone sono state uccise dal 2004, quando la ribellione è nuovamente divampata nelle province di Narathiwat, Yala, Pattani  e Sonkhla (in quest’ultima i musulmani sono minoranza), area di fede islamica e di lontana origine malese in una zona che arriva sino al confine con la Malaysia.

Ma a una buona notizia se ne aggiunge una meno simpatica: nella stessa settimana, l’esecutivo di Bangkok ha infatti approvato  un piano  che prevede  l’acquisto di quattro jet da combattimento a partire dal prossimo anno fiscale, per  un budget di 13,8 miliardi di baht (413,67 milioni di dollari). L’approvazione, scrive ancora Reuters,  segue a una recente manifestazione di interesse da parte del capo dell’aeronautica, il maresciallo capo dell’aeronautica Napadej Dhupatemiya, nell’acquisto di otto caccia F-35 dalla Lockheed Martin Corp statunitense. Anche l’aviazione è stata impegnata nel conflitto con i musulmani del Sud.

Vai alla scheda conflitto

In copertina la foto di un modello di F-35 in volo tratto dal sito della Lockheed. Nel testo,  le province a maggioranza musulmana

Tags:

Ads

You May Also Like

Allora ci siamo: è guerra

Nella notte le forze russe hanno iniziato l'invasione dell'Ucraina 

Filippine vs Usa, via dall’accordo VFA (aggiornato)

Manila vuole cancellare il Visiting Forces Agreement che regola lo stato giuridico dei soldati americani all'estero. Diatriba bilaterale o un capitolo dello scontro in Asia tra Washington e Pechino? Trump: "Risparmieremo soldi"

dall’inviato nel Sudest asiatico Il ministero degli Esteri di Manila – su diretto mandato ...

Bosnia: trent’anni di incertezze

Il 1°marzo 1992 il referendum per l'indipendenza del Paese. Una ricostruzione di quei giorni che hanno portato all'inizio di un conflitto che non è forse mai veramente finito

di Edvard Cucek Sono passati 30 anni dal referendum con il quale la terza ...