Una geografia dei conflitti. Anche in inglese

Da oggi l'Atlante delle guerre diventa anche Atlas of Wars and Conflicts, edizione cartacea del nostro volume in distribuzione e idioma internazionali

L’Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo è ora disponibile, per la prima volta in assoluto in un’edizione inglese.

Il ll lancio ufficiale è fissato a stasera  21 giugno 2022 alle 18 con una presentazione virtuale. Il volume è già disponibile su Amazon, Terranuova Editore e altre piattaforme virtuali.  Atlas of Wars and Conflicts in the World, edizione inglese, è un progetto creato dall’Associazione 46° Parallelo in collaborazione con ANVCG e INTERSOS, per portare uno degli strumenti più famosi per l’educazione alla pace in Italia a un pubblico più ampio e internazionale.

Si tratta, come i nostri lettori già sanno di un atlante per mappare i conflitti, le crisi e le missioni di pace in corso nel Mondo. Un progetto della società civile dedicato alla divulgazione di informazioni e analisi di alta qualità sulle guerre in corso e sulle loro vere cause profondamente radicate: vale a dire, le ingiustizie sociali, economiche e ambientali.

L’informazione è un mattone. E’ una frase che usiamo spesso e che scriviamo sempre con convinzione. E’ un mattone fondamentale per molte cose. Lo è per la democrazia, che non esiste senza buona informazione, utile a creare opinioni. Lo è per la libertà degli individui e delle comunità, perché la buona informazione crea gli strumenti per essere liberi. Lo è per la Pace, che nasce, si alimenta e diventa sistema se la buona informazione la sorregge e sostiene.
Per queste ragioni come Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo abbiamo pensato fosse fondamentale crescere, essere ancora più presenti nel Mondo. Lo abbiamo fatto aprendo la finestra di casa e guardando fuori. Lo scorso gennaio con il sito Atlasofwars, che da Londra cerca di raccontare le cause che portano alle guerre, la cronaca dei disastri e le azioni positive che si mettono in campo. Ora proseguiamo con questa prima edizione integrale del nostro Atlante cartaceo.
Da dodici anni, ormai, lavoriamo all’insieme di questo progetto, rielaborando gli strumenti e il linguaggio. Abbiamo elaborato dati, raccontato storie, ci siamo arrabbiati per le ingiustizie, abbiamo denunciato dove e quando serviva l’assenza dei diritti, abbiamo sostenuto le idee di riconversione, di salvaguardia ambientale. Da dodici anni raccontiamo l’orrore della guerra per far crescere la cultura della Pace. La nostra linea editoriale – noi che di questa testata siamo anche editori – è questa. Lo diciamo con lealtà e trasparenza. Lo diciamo perché rispettiamo i lettori, tutti i lettori, anche quelli che non condividono il nostro lavoro.
Questa nuova parte della nostra vecchia avventura è un altro tassello di questo puzzle che stiamo costruendo con pazienza. Spero davvero trovi lo stesso consenso che, sino ad oggi, abbiamo avuto per ciò che abbiamo fatto.

Raffaele Crocco (direttore Progetto Atlante)

————————————————————————————————————————————————————

Oltre all’edizione cartacea (qui a fianco alcune pagine), e oltre al sito atlanteguerre.it, il progetto di 46mo

 Paralleo gestisce, dall’inizio di quest’anno e grazie al sostegno di Fondazione Peretti, anche un sito di informazione sui conflitti del Mondo in lingua inglese che si può raggiungere cliccando  Atlasofwars.

L’appuntamento  di stasera

Ospiti:
Sara Gorelli di ANVCG
Giovanni Visone di INTERSOS
Catherine Lutz di Costs of War
Conduce: Lucia Frigo
 

Enter the Zoom meeting: clicca qui. Meeting ID: 852 9603 0868 Passcode: 202954

Puoi ordinare il volume qui

Tags:

Ads

You May Also Like

Incognita Sri Lanka

Coprifuoco a Negombo dopo incidenti domenica tra singalesi e musulmani

Un incidente automobilistico ha dato la stura a Sri Lanka a un a reazione ...

Moldavia alla ricerca di identità

Come il Paese accoglie i profughi ucraini, come si posiziona nel conflitto ucraino tra occidente e nostalgie post sovietiche e il nodo Transnistria. Una panoramica dal campo

Di Alice Pistolesi e Giovanni Mennillo da Chișinău Un piccolo Paese nel cuore dell’Europa ...

Mali: la strage dell’esercito e dei mercenari russi

300 morti in un rastrellamento congiunto tra militari maliani e contractor russi. Mentre Mosca aumenta la sua influenza in Africa  

di Maurizio Sacchi In Mali, 300 civili sarebbero stati uccisi  in cinque giorni dal ...