Usa/Russia. Il gelo della nuova Guerra Fredda

Domani via web colloquio tra Biden e Putin. E' l'Ucraina il fragile confine dell'ennesmo conflitto Est-Ovest

di Raffaele Crocco

Martedì si parleranno in videoconferenza. Biden e Putin si incontreranno nel web, per tentare di disinnescare l’ennesima crisi. Per ora, ancora per qualche ora, quello che le due potenze vivono è il tempo delle minacce. Quelle della Nato a Mosca. Da Riga, dove i leder dell’alleanza si sono riuniti, il segretario generale, il norvegese Jens Stoltenberg ha detto a Putin che “la Russia pagherà un conto salato, se utilizzerà ancora una volta la forza contro l’indipendenza dell’Ucraina”. Il presidente russo ha risposto immediatamente, parlando dal Forum “La Russia chiama!”, dedicato agli investitori. Putin ha detto che “esercitazioni militari organizzate dalla Nato, con simulazioni di attacchi nucleari alla Russia, bombardieri strategici a 20 km dai confini russi, navi militari nel Mar Nero sono una minaccia reale per noi”.

Ucraina: fra Europa e Russia

Un botta e risposta da rinnovata Guerra Fredda. Così, sale la tensione tra Russia e Occidente. Al centro dello scontro c’è ancora una volta l’Ucraina. Il segretario di Stato Usa, Blinken, ha accusato il Cremlino di essere pronto a invadere l’Ucraina e di puntare a destabilizzarla anche dall’interno. La Russia risponde sostenendo che Kiev ha ammassato 125 mila uomini, metà del suo esercito, vicino al confine con il Donbass, regione in cui la popolazione russofona ha unilateralmente dichiarato la propria indipendenza nel 2014. Questo, aggiungono da Mosca, con la chiara intenzione di avviare un’offensiva e riconquistare il territorio.

Accuse reciproche, secondo uno schema antico. Le voci di un tentato golpe a Kiev sono consistenti. Il presidente ucraino Zelenskij lo ha denunciato, accusando Mosca di appoggiare i golpisti. Il Cremlino ha ovviamente negato. La questione Donbass resta irrisolta e inquina le relazioni fra i due Paesi. Zelenskij rifiuta di trattare con i separatisti, vorrebbe un colloquio diretto con la Russia. Putin dice no. Quello ucraino a suo modo di vedere «è un conflitto interno, che eventualmente deve essere discusso tra le parti». Kiev cerca intanto appoggi in Occidente e chiede di entrare nella Nato. Gli alleati, però, non vogliono uno scontro con Moasca. Blinken è stato chiaro: in caso di invasione russa del paese vicino, ci sarebbero «conseguenze economiche molto gravi» e non certo una risposta militare.

Volodymyr Oleksandrovych Zelenskyy. Più che arbitro pedina della nuova Guerra Fredda

Un braccio di ferro che resta pericoloso, ma che ha soprattutto nella diplomazia il terreno di scontro e confronto. Non a caso, martedì Biden dovrebbe incontrare Putin. Un incontro significativo anche dal punto di vista dei rapporti fra Usa e Europa. Molti osservatori sostengono, infatti, che Biden stia tentando di togliere di mezzo gli alleati europei, giudicati troppo rissosi e incapaci di affrontare la situazione. Così, Washington siede al tavolo direttamente e chiede che la Russia ricominci a colloquiare con la Nato. Putin non respinge l’idea, ma vuole un vero e proprio trattato scritto. Lo ha detto in più occasioni: la Russia cerca garanzie a lungo termine, forti e affidabili sulla propria sicurezza. Vuole intese che escludano ulteriori allargamenti della Nato verso Est e che impediscano il dispiegamento di sistemi d’arma pericolosi per la sicurezza del Paese. Le parole – quelle usate ai tempi di Gorbaciov – non bastano più, dice Putin.      E intanto nella partita c’è già chi ha perduto: l’Unione Europa, messa ancora una volta fuori gioco.

Tags:

Ads

You May Also Like

Il bavaglio alla rete costa caro

Dal 2019 a oggi, con 257 interruzioni importanti del servizio in 46 Paesi, il prezzo  per l’economia globale è stato di oltre 18 miliardi di dollari. Il caso Twitter-Nigeria

Nairobi (dall’inviato) – Nel 2022 dieci chiusure di Internet in 6 Paesi del pianeta ...

Una giornata per non dimenticare

L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra organizza al Museo delle Civiltà di Roma una serie di eventi dal 1° al 18 febbraio: per conservare la memoria di chi è stato colpito dai  conflitti e promuovere la cultura della pace e del ripudio dell'uso delle armi

Oggi ricorre la seconda Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti ...

L’ultima carta di Theresa May

Martedi  il parlamento britannico decide se approvare l'accordo raggiunto con la Ue a novembre sulla Brexit. La premier mette in guardia su un esito che potrebbe rivelarsi "catastrofico"

Fiato sospeso a Londra. La stampa britannica ha anticipato l’ultimo messaggio sulla Brexit della ...