Wars, War and revolutionary stories: i vincitori della seconda edizione

Resi noti i due vincitori e i quattro finalisti del premio per fotoreporter realizzato dall'Associazione 46 Parallelo/Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo e Montura

Due vincitori e quattro finalisti per la seconda edizione di Wars, ‘War and revolutionary stories’  il premio internazionale rivolto ai fotoreporter realizzato dall’Associazione 46 Parallelo/Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo e Montura, in collaborazione con la ong Intersos e la Fondazione Museo Storico del Trentino. Due le categorie in concorso quest’anno: a quella tradizionale rivolta ai conflitti e alle emergenze umanitarie, se ne è aggiunta una dedicata alle storie relative al Covid-19 nel Mondo.

Il vincitore della sezione conflitti è Giles Clarke con un lavoro sulla guerra in Yemen. Due i finalisti Finbarr O’Reilly con un progetto sul Tigrai e Stepanov Anatolii con un fotoreportage dall’Ucraina.  A vincere nella sezione Covid-19 è stato invece Michele Spatari  con un lavoro sul Sud Africa. I finalisti della categoria sono poi Rodrigo Abd con un lavoro sul Perù e Yan Boechat con un progetto sull’Amazzonia.

A scegliere i vincitori un trio di giurati d’eccezione: Kelli Grant, Photo Director di Yahoo News, il fotoreporter Francis Kohn e la fotogiornalista Laurence Geai, vincitrice della prima edizione di Wars con il suo lavoro a Mosul.

“Il motivo – spiega Fabio Bucciarelli, fotoreporter e direttore artistico di Wars – per cui abbiamo aggiunto la categoria collegata al Covid-19 è che la pandemia, oltre ad aver cambiato le nostre vite, ha modificato anche il modo di lavorare dei fotogiornalisti. A causa del restringimento dei movimenti molti hanno dovuto fotografare il territorio in cui abitano, dedicandosi a progetti anche molto lunghi”.

I giurati hanno valutato i lavori di più di 160 fotoreporter, arrivati da oltre 37 Paesi diversi.

Alla seconda edizione della competizione internazionale nata nel 2019 e ideata da Raffaele Crocco, direttore responsabile dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, hanno partecipato fotoreporter con proposte molto varie ed eterogenee.

“I vincitori – conclude Bucciarelli – ma anche molti altri partecipanti, hanno inviato progetti a cui hanno lavorato per mesi, anche per anni. Questo rispecchia anche il nostro modo di lavorare: darsi tempo per raccontare storie anche intime, per creare empatia, per entrare all’interno di ciò che stiamo raccontando. Un modo di fare giornalismo che può essere, secondo noi, un antidoto alle fake news”.

I vincitori

Categoria conflitti: Giles Clarke,  Yemen: Conflict+Chaos

“Yemen: Conflict+Chaos” ritrae un paese fratturato dalla guerra e dalla divisione tribale; un luogo dove la popolazione civile vive incatenata a una lotta eterna e intrappolata in un presente stregato.

Giles Clarke è un fotoreporter, di stanza a New York, si occupa di catturare il volto umano dei problemi attuali e postbellici in tutto il mondo. Dal 2016, Clarke ha lavorato per aumentare la consapevolezza sulla difficile situazione di coloro che vivono nello Yemen devastato dalla guerra e nella travagliata regione africana del Sahel. Il lavoro di Clarke è stato presentato da The United Nations (OCHA), The New York Times, Amnesty International, CNN, The Guardian, Global Witness, TIME, The New Yorker, National Press Photographers Association, Paris Match et al. Per il suo lavoro in Yemen, Clarke ha ricevuto l’ambita statua di Lucie nel 2017 ed è stato nominato “Imagely Fund Fellow” del 2018. Nell’agosto 2021, Clarke ha esposto una mostra personale “Yemen; Conflict+Chaos’ presso Visa Pour L’Image a Perpignan, Francia.

Categoria Covid-19: Michele Spatari, Sud Africa

All’inizio di marzo 2020, il Sudafrica ha scoperto che il Paziente Zero era tra la sua popolazione e la corsa per contenere il panico è stata accolta da un inevitabile blocco. Il lavoro riflette la vita ai margini della società è stata ridotta a una questione di metri quadrati di occupazione. Mentre lunghe file chilometriche hanno ricordato nella memoria dei sudafricani le code che hanno segnato il passaggio dall’orrore dell’apartheid alla nuova democrazia, ora è in gioco il sostentamento di migliaia di famiglie.

Michele Spatari è un fotografo documentarista, di stanza a Johannesburg. La sua pratica documentaristica è stata influenzata dal suo background architettonico e ora si concentra sullo studio dei corpi e dello spazio: come la politica, le religioni e i rituali sociali modellano le società contemporanee. Nel 2020 Michele è stato incaricato dal Cortona On The Move Festival di documentare la pandemia di Covid-19 nel Sud Africa. Nel 2021 Michele è stato scelto come uno dei pochi under 30 ad aderire al Canon EMEA Ambassador Program. Dal 2019 è uno dei principali contributori in Sud Africa per AFP – Agence France-Presse. Il suo lavoro è stato presentato su vari media internazionali come The New York Times, The Washington Post, TIME, Le Monde, Libération, The Guardian, The Wall Street Journal, El País, Internazionale, tra gli altri.

Finalisti categoria conflitti 

Finbarr O’Reilly, Tigray

La guerra nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia, è stata segnata da atrocità e fame. Il lavoro nasce sulle linee del fronte, dopo aver assistito a una serie di vittorie del  fronte del Tigray culminata nella riconquista della capitale della Regione, che ha alterato il corso della guerra. Queste immagini sono state scattate durante una settimana in cui le notizie erano in rapido movimento e mentre le forze del Tigray avevano preso il sopravvento in una guerra devastante che sembra tutt’altro che finita.

Finbarr O’Reilly è un fotografo indipendente e giornalista multimediale. Ha vissuto per 12 anni nell’Africa occidentale e centrale e ha trascorso due decenni coprendo i conflitti in Congo, Ciad, Sudan, Afghanistan, Libia e Gaza. È il fotografo della mostra del Premio Nobel per la pace 2019 e un frequente collaboratore del New York Times. Il suo lavoro fotografico e multimediale ha ottenuto numerosi riconoscimenti nel settore, tra cui il primo posto nella categoria Ritratti ai World Press Photo Awards 2019. È stato anche vincitore del World Press Photo of the Year nel 2006 e ha vinto un Emmy 2020 per il documentario PBS Frontline Ebola in Congo. Finbarr è un Canon Ambassador.

Stepanov Anatolii, Ucraina

Il lavoro racconta la guerra in Ucraina, che anche se non è più nelle cronache prosegue e raccoglie il suo bilancio di morte, ogni settimana, su entrambi i lati della linea del fronte.

Stepanov Anatolii. Nel 1994 ha conseguito una laurea specialistica come ingegnere elettronico presso il Politecnico di Kiev, ha lavorato come ingegnere e ha ricoperto ruoli dirigenziali in varie aziende. Nel 2004 ha frequentato la Scuola di Fotografia di Victor Marushchenko. Collabora con le agenzie AP, Reuters, AFP, EPA, Sipa; ha avuto pubblicazioni nelle riviste: National Geographic, Spiegel, Stern, Time ecc. Ha partecipato a mostre fotografiche collettive in Ucraina, Germania, Francia e Stati Uniti.

Finalisti categoria Covid-19 

Rodrigo Adb, Perù

Il lavoro, svolto tra marzo 2020 e marzo 2021, ha catturato i momenti di quiete tra le macerie del Covid-19, concentrandosi su “grandi” piccole storie. Ho ritratta la realtà dei più vulnerabili, coloro che questa Pandemia ha trovato senza protezione e senza risorse per sopravvivere nel mezzo del caos, coloro che sono in crisi costante, coloro che tutti vedono ma pochi conoscono.

Rodrigo ha lavorato su incarichi speciali dell’AP coprendo i disordini politici in Bolivia nel 2003 e ad Haiti nel 2004. Ha anche coperto le elezioni presidenziali del Venezuela nel 2007/2012 e il terremoto ad Haiti nel 2010. Nel 2010, è stato embedded due volte con le truppe statunitensi a Kandahar , Afganistan. Nel 2011 si è occupato del conflitto politico in Libia. Nel 2012 ha seguito il conflitto armato siriano. Abd, insieme ai colleghi fotografi AP, M. Brabo, N. Contreras, K. Hamra e Muhammed Muheisen, hanno ricevuto il Premio Pulitzer 2013 per Breaking News Photograph per il loro lavoro sulla guerra civile siriana. Negli ultimi anni sta lavorando a diversi progetti in Latinoamerica, alla ricerca di storie in quella che lui chiama “Latinoamerica profunda”, mescolando il suo lavoro tra la fotografia digitale e la sua antica fotocamera WoodBox.

Yan Boechat, Amazzonia

Manaus ha ceduto rapidamente e brutalmente al nuovo coronavirus. La paura ha preso il sopravvento su questa città. Terrorizzate dalle storie di sofferenze e morti solitarie, molte persone hanno adottato un atteggiamento negativo nei confronti della malattia. Anche con i chiari sintomi di Covid-19, si sono rifiutati di cercare aiuto medico. Il numero di persone che muoiono nelle loro case è rapidamente esploso. Queste foto raccontano questa storia. La storia dei brasiliani che hanno perso la vita a causa, molte volte, dell’incapacità dello Stato di fornire le cure più elementari in un momento di crisi. Sono storie di poveri, vittime dell’incredibile disuguaglianza che contraddistingue questo Paese.

Yan Boechat è giornalista da oltre 20 anni. Durante la maggior parte della sua carriera, ha lavorato come scrittore-reporter, scrivendo per le più grandi pubblicazioni in Brasile, sia su quotidiani, riviste e siti di notizie. Oggi divide il suo tempo tra scrittura, fotografia e video. Yan Boechat ha dedicato il suo lavoro a coprire gli impatti umani causati da eventi importanti, come guerre, disastri ambientali, conflitti urbani, disuguaglianza e violenza. Negli anni si è occupato di questioni umanitarie in paesi come Siria, Iraq, Libano, Turchia, Iran, Afghanistan, Palestina, Ucraina, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Angola, Egitto, Tunisia, Colombia, Venezuela e in diverse parti del Brasile.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Giapponesi armati fino ai denti

di Andrea Tomasi Giapponesi armati fino ai denti. Il governo nipponico investe sempre di ...

Un pianeta di bombe a grappolo

Malgrado i progressi compiuti nell’eliminazione di questi ordigni micidiali  non si fermano i danni sui civili. I contenuti del Cluster Munition Monitor 2021

Il rapporto Cluster Munition Monitor 2021, che è stato reso noto ieri, mostra come ...

Il futuro della democrazia in Tunisia

Gli interrogativi dopo il colpo di mano istituzionale del presidente Kaïs Saïed che ha licenziato l'esecutivo

di Ferruccio Bellicini In questi giorni estivi un forte calore ammanta la Tunisia, sia ...