Un disastro umano e umanitario con troppi responsabili

Migrazione nel Mediterraneo, la nave Aquarius bloccata a Malta e le colpe dell'Italia. I porti chiusi, la gente che rischia di morire e la strategia del "ministro di Tutto". L'editoriale di Raffaele Crocco

di Raffaele Crocco*

Probabilmente dobbiamo aspettare di vederli morire. Quindi facciamo una cosa differente, da oggi. Organizziamoci così: in mare non mandiamo navi che possono salvare vite umane. Quelle i governi, l’opinione pubblica, evidentemente la maggioranza, ormai hanno stabilito che sono in mano a delinquenti che, mascherandosi da Ong, favoriscono la malavita organizzata che traffica in uomini. Quelle navi quindi – come è successo oggi alla Aquarius a Malta che non ha avuto i permesso di rifornirsi, come succede alla Lifeline in mare da giorni – teniamole nei porti, nelle rade, ferme comunque.

In mare mandiamo altre navi, cariche di giornalisti, telecineoperatori, fotografi. Mandiamoli sulle rotte dei gommoni, delle barche cariche di disperati e diciamo loro di non fare niente. O meglio, diciamo loro di fare il loro mestiere e filmare la morte di quelle persone. Riprendere i bambini che annegano, le donne che muoiono di stenti, gli uomini che soffocano. Filmarli mentre muoiono, fotografarli, registrare le urla.

Questo materiale, poi, prendiamolo e facciamolo circolare nelle case di questa bella gente d’Italia e d’Europa, che vota giurando sulle radici cristiane della nostra civiltà.  Non diciamo nulla, vediamo semplicemente se riescono a capire cosa succede su quelle navi che il “ministro di Tutto”, Salvini, ha definito “da crociera”. Proviamo a vedere se queste anime sante, che si commuovono pensando alla sofferenza dei bambini – anche Hitler li amava tanto – e alle ingiustizie che subiscono gli italiani, riescono ad avere una umana reazione di fronte alla morte di altri esseri umani.

Quello che accade in queste ore in Italia, nel Mediterraneo, in Europa, non ha nulla di politico. È una catastrofe umanitaria per chi la subisce. È una catastrofe umana per chi la crea e per chi la appoggia senza reagire. Dopa aver rotto l’ipocrita silenzio sul nostro essere razzisti, abbiamo stabilito che per fermare l’invasione dobbiamo ammazzare la gente. Codardi e vigliacchi non spariamo: la facciamo annegare.

In cinque mesi, sono arrivati in Italia 35mila esseri umani, meno dello 0,06% della popolazione italiana. Meno della gente che abita in un quartiere di Roma. Se ci sentiamo invasi da 35mila esseri umani e pensiamo che siano le avanguardie di una invasione africana o siamo bugiardi o siamo stupidi. Ci sono mille modi per evitare che le migrazioni diventino un problema. Uno dei tanti è evitare che otto persone al mondo abbiano un patrimonio complessivo di  426miliardi di dollari, pari alla ricchezza di metà della popolazione mondiale. Per estensione – il dato è di Oxfam – l’1% della popolazione mondiale più ricca controlla il 99% della ricchezza del Pianeta.

Riequilibrare rapidamente la ricchezza – come riequilibrare i diritti – sarebbe un sistema sicuro per convincere le persone a stare a casa loro, cercandosi un futuro lì. Magari il ministro di Tutto, un giorno di questi, potrebbe provarci.

*Raffaele Crocco è direttore responsabile dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

 

 

foto di copertina tratta da http://www.rivoluzione.red/aquarius-contro-il-razzismo-di-salvini-e-lipocrisia-del-pd-unita-di-classe-di-tutti-i-lavoratori/

foto e titolo di repubblica.it

Tags:

Ads

You May Also Like

Khamenei: «È colpa degli Stati Uniti»

di Ilario Pedrini «Gli Stati Uniti sono responsabili dell’instabilità nel Medio Oriente». A sostenerlo ...

Crimini di guerra, un appello per lo Yemen

Per lo Yemen, terra martoriata dalla guerra e dove è in corso, a detta ...

La sfida del 12 luglio

In Irlanda del Nord sei giorni di incidenti con la polizia e ordigni contro la casa di Gerry Adams e di altri esponenti repubblicani. La “Nuova IRA” e gli effetti della chiusura nazionalista che attanaglia l’Europa

di Lucia Frigo Ordigni esplosivi sono stati lanciati a Belfast, nella notte tra venerdi ...