A Bologna, esperti internazionali per la pace in Europa

Dal 2 al 4 maggio il Peacebulding Forum 2023 aprirà “riflessioni operative e innovative su come fermare le guerre e prevenire future crisi nel continente europeo e nel suo vicinato”

Una tre giorni a Bologna, dal 2 al 4 maggio, per discutere della pace in Europa. È il Peacebuilding Forum 2023, ideato e promosso dall’Agenzia per il Peacebuilding, “la prima organizzazione in Italia con la missione di promuovere le condizioni per risolvere i conflitti e ridurre le violenze per costruire una pace duratura in Europa, nel suo vicinato, e nel mondo”. Esperti di rilievo internazionale tracceranno traiettorie di pace per il continente europeo, dal Mediterraneo al Caucaso.

“A più di un anno dallo scoppio della guerra in Ucraina è diventato evidente come il conflitto abbia sconvolto l’Europa e stia ridisegnando la governance globale della pace e della sicurezza”, spiega l’Agenzia per il Peacebuilding. In questa situazione di crisi, “alcune organizzazioni internazionali hanno faticato a trovare il loro ruolo nella crisi e finora sono rimaste marginali, mentre l’Unione Europea ha provato a definire chiaramente la sua posizione”, continua l’organizzazione bolognese. “In parallelo, nuovi formati multilaterali sono in cantiere, come la Comunità Politica Europea che raccoglie 47 Paesi del continente europeo”.

L’infografica sul Peacebulding presente nell’ultima edizione (l’undicesima) dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

“Partiremo da qui per aprire riflessioni operative e innovative su come fermare le guerre e prevenire future crisi nel continente europeo e nel suo vicinato”, ha riassunto il Direttore dell’Agenzia per il Peacebuilding, Bernardo Venturi. “Per fare questo è indispensabile un approccio inclusivo che coinvolga il più ampio numero possibile di soggetti, dalle società civili agli Stati, e che ripensi come una nuova ‘architettura di pace’ possa funzionare nei prossimi anni”.

Il Forum si aprirà martedì 2 maggio, alle 15:30 presso la Sala Anziani di Palazzo d’Accursio, con uno studio sul nesso umanitario-sviluppo-pace (Triplo Nesso). Mercoledì 3 maggio (dalle 9:30 alla Johns Hopkins) conferenze sul Peace in Europe and Beyond (Pace in Europa e oltre), con ospiti di rilievo internazionale, tra i quali l’Ambasciatore Lamberto Zannier (ex Segretario Generale OSCE), la Direttrice dell’International Institute for Peace, Stephanie Fenkart, e Alessandra Morelli, già delegata UNHCR. Infine, giovedì 4 maggio (ore 10:00, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Bologna) si terrà un workshop per gli studenti sul rapporto media-peacebuilding, coordinato da Laura Silvia Battaglia (voce di Radio3 Mondo) ed Emanuele Valenti (inviato di Radio Popolare).

(Red/Est/ADP)

Tags:

Ads

You May Also Like

Ucraina: buone notizie ma non sulla guerra

Si sblocca il contenzioso per l'esportazione del grano e i prezzi tornano a scendere. Ma sulla fine del conflitto nessun passo avanti

A due giorni dalla fine del quinto mese dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio ...

Indonesia elezioni, scontri e vittime dopo i risultati

Incidenti a Giacarta tra  i sostenitori del perdente e le forze di sicurezza. Bilancio ancora incerto di morti e feriti

Le proteste dei sostenitori di Prabowo Subianto contro la vittoria elettorale di Joko Widodo ...

Ceta: rinviato ma per gran parte in azione

Il 26 settembre doveva essere il giorno dell’approdo in Senato del Ceta, il trattato ...