Abbandonare l’Afghanistan non è la soluzione

Oltre l'emergenza dei ponti aerei "andare a vedere il gioco dei Talebani. Non un'apertura di credito ma solo -responsabilmente -  capire cosa accade e  decidere - finalmente - quale ruolo vogliamo avere nel presente e nel futuro di quel Paese e di altri"

di Raffaele Crocco

Sia chiaro: non amo i Talebani. Non amo alcuna forma di integralismo religioso, si tratti di islamici ispirati da libri divini, di ultraortodossi ebrei convinti di essere il solo popolo eletto o di cattolici pre conciliari convinti che la Chiesa di Roma sia la rappresentazione terrena della parola di un dio. Non amo la superstizione ottusa, irrazionale e pericolosa del divino che prevale sull’uomo. Dico questo per spiegare che non dibatto sull’esistenza di Talebani moderati o Talebani conservatori, non mi interessa.

Quello che mi interessa – e che avrebbe dovuto però interessare anche i governi europei e statunitensi in fuga da Kabul – è come i talebani si sono proposti nella prima conferenza stampa internazionale. Lo hanno fatto aprendo delle porte: amnistia generale, ruolo delle donne – anche se ambiguamente collocato nelle leggi islamiche -, no alla vendetta, apertura al Mondo esterno. Questi sono stati i temi proposti dal nuovo vertice talebano e queste sono oggettivamente “porte aperte”, cioè sono dati politici su cui ogni cancelleria seria dovrebbe meditare e agire. Si tratta di aprire crediti politici ai Talebani? No, per niente. Si tratta solo -responsabilmente – di vedere il gioco, di capire cosa accade e di decidere – finalmente – quale ruolo vogliamo avere nel presente e nel futuro di quel Paese e di altri.

Se non c’è dubbio che le nostre armate dovevano lasciare l’Afghanistan dopo vent’anni di inutile, dispendiosa e poco onorevole occupazione, è altrettanto vero che dovevamo avere il coraggio, la lucidità e l’intelligenza di lasciare lì i nostri corpi diplomatici. Dovevamo tenere aperte le ambasciate per avere spazi di possibile mediazione, incontro e intervento nei confronti del futuro governo. Dovevamo restare per tentare di garantire con la presenza diplomatica sul campo i diritti degli afghani. Insomma: dovevamo vedere il gioco, per tentare di salvare vite, diritti e dignità. Siamo scappati, invece. Impauriti, giurando che “avremmo vigilato sul rispetto dei diritti umani”. Siamo fuggiti mentre qualche politico- in delirio, dal divano di casa – diceva che “la comunità internazionale doveva essere pronta ad un intervento armato”. Siamo andati via scandalizzandoci, perché i talebani hanno detto che “l’Afghanistan non sarà una democrazia”: quella che avevamo portato noi è costata almeno 250mila civili uccisi in vent’anni e un presidente – eletto – in fuga all’estero seguito dai suoi soldi.

La nostra ipocrisia ci nega il coraggio di agire. E agire – in un Paese che abbiamo inutilmente occupato per vent’anni- significava assumerci sino in fondo le responsabilità. Significava restare e tentare di gestire la crisi. Significava metterci la faccia per difendere persone, diritti e futuro.Invece, dopo il ritiro, abbiamo scelto la fuga. Che resta la scelta di ogni mediocre malvivente.

Tags:

Ads

You May Also Like

Un camper nei conflitti: il duplice fronte filippino

L'appuntamento settimanale col podcast di InPrimis, Unimondo, atlanteguerre

Torna Un camper nei conflitti, podcast settimanale realizzato con una collaborazione di Associazione culturale inPrimis, Atlante ...

Il Mediterraneo, il gigante russo e l’Italia

di Tommaso Andreatta Durante l’incontro che si è tenuto negli scorsi giorni tra il ...

La guerra del gas

L'azienda russa Gazprom ha firmato un contratto per progettare il gasdotto Soyuz Vostok che arriverà in Cina attraverso la Mongolia

Gazprom, l’azienda energetica russa ha firmato un contratto per progettare il gasdotto Soyuz Vostok ...