Ambiente, il costo dell’inazione

I conti in tasca alla nostra bolletta climatica. Quanto ci verrebbe a penalizzare girarci dall'altra parte?

di Alessandro Graziadei 

“Il costo della mitigazione climatica sarà ingente, ma il costo dell’inazione sarà maggiore” ci aveva ricordato Ursula von der Leyen, la presidente della Commissione europea, all’inizio di quest’anno in occasione del varo del “Patto europeo per il clima”. Alla luce dei recenti disastri ambientali che hanno flagellato l’Europa e la relativa conta dei danni, figli anche delle conseguenze del cambiamento climatico, queste poche parole suonano come profetiche. Ma è realmente possibile stimare in termini economici qual è il costo del cambiamento climatico? La risposta è no se ci aspettiamo un dato preciso, perché molti studi sulle ricadute economiche dell’innalzamento delle temperature sono solo in parte comparabili: non tutti partono dalle medesime premesse, alcuni fanno riferimento solo ad una particolare categoria di danni, altri ad aree geografiche o a periodi temporali diversi, tuttavia sul tema sono state pubblicate una serie di analisi scientifiche relative, sia ai danni sinora provocati dal cambiamento climatico, sia ai possibili costi presenti e futuri che possono darci un quadro realistico della nostra “bolletta climatica”.

Iniziamo dalla prima e forse più autorevole stima quella del World Economic Forum (WEF) che ha recentemente inserito il clima tra i primi 5 rischi globali per ordine di importanza, il primo in termini di possibilità seguito nell’ordine dal fallimento delle politiche ambientali, dalle catastrofi naturali, dalla perdita della biodiversità e dai disastri ambientali provocati dall’uomo. Le stime del WEF supportate dalle analisi fatte nel 2019 dal National Bureau of Economic Research prevedono che da qui al 2100 se non si inverte totalmente il senso di marcia, il PIL pro capite globale potrebbe crollare del 7,22%…. (segue su Unimondo)

In copertina, uno scatto di Markus Spiske

Tags:

Ads

You May Also Like

Parte oggi per l’Ucraina la terza carovana di pace

Cinquanta attivisti di StoptheWarNow verso Odessa e Mykolaiv

Parte oggi dall’Italia la terza carovana organizzata da StoptheWarNow, l’estesa coalizione italiana contro la ...

Gaza, la Palestina è sola

Alcune reazioni ai sanguinosi fatti del 30 marzo a Gaza durante la 'Marcia del ritorno': voci dal mondo arabo e dall'Occidente

Diciassette manifestanti palestinesi uccisi, oltre 1400 i feriti. Questo il bilancio di quello che ...

Ue armata, settecento firme dicono no

Alcune centinaia di ricercatori e studiosi si oppongono al programma di ricerca militare dell'Unione europea con la petizione “Researchers for peace”

E’ stata lanciata oggi da una coalizione di organizzazioni del mondo scientifico e del ...