Atene manda all’Ucraina missili russi

"Difendere Kiev"! La Grecia e il sostegno a chi combatte l'invasione russa. Anche con sistemi d'arma prodotti nella Federazione e venduti all'esercito ellenico

di Maurizio Sacchi

Il Ministero della Difesa greco intende rescindere il contratto con la Russia  per la manutenzione dei sistemi di difesa aerea Tor-M1 e Osa-AKM, che sono in servizio nell’esercito greco da oltre 20 anni, ed acquistati per circa 500 milioni di dollari. Ma c’è un seguito. Il 21 agosto,  il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky è volato in segreto in Grecia, dove ha incontrato il Primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis nella storica Maximos Mansion. Le voci sulla visita di Zelensky in Grecia erano circolate nei giorni precedenti a un vertice informale organizzato ad Atene per i leader dei Balcani.e esponenti dell’Unione Europea.

L’evento diplomatico informale è stato interpretato come un’opportunità per Atene di consolidare la sua posizione di leader regionale e di pilastro della stabilità nei Balcani.  Ma è l’incontro tra Mitsotakis e Zelensky che ha destato la maggiore attenzione, mentre infuria la guerra in corso in Ucraina.Alla fine dell’incontro, la Grecia ha affermato che “continuerà a sostenere il forte ed efficace sostegno politico e materiale dell’Alleanza all’Ucraina, volto a garantire la capacità dell’Ucraina di difendere efficacemente il suo territorio a terra, in mare e in aria”, e a fornire all’Ucraina supporto militare, tecnico, di difesa e umanitario.

“La Repubblica ellenica si impegna a partecipare, insieme alle organizzazioni internazionali, agli alleati e ai partner, al recupero e alla ricostruzione dell’Ucraina dopo la guerra”, si legge nella Dichiarazione congiunta, aggiungendo che la Repubblica ellenica sostiene l’Ucraina a diventare membro della NATO quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte, come indicato nella Dichiarazione del Vertice NATO di Vilnius”.

I sistemi antiaerei sono ora installati sulle isole del Mar Egeo. Ad oggi, l’esercito greco è armato con 21 Tor-M1 e 38 Osa-AK/AKM. Durante le esercitazioni, questi sistemi hanno mostrato un’efficacia dal 92 al 98% nel colpire gli obiettivi aerei. I sistemi di difesa aerea Tor-M1 sono considerati sistemi obsoleti, ma molto affidabili, in grado di intercettare tutti gli obiettivi aerei, compresi i missili da crociera. La rescissione del contratto di manutenzione dei sistemi di difesa aerea implica il loro graduale smantellamento, ma non è ancora chiaro cosa sostituirà i sistemi di difesa aerea di fabbricazione russa. Con un’alta probabilità, dopo la loro dismissione, saranno offerti all’Ucraina,  che ha gran bisogno di questa difesa dagli attacchi aerei russi..

Il sistema missilistico terra-aria TOR-M1 si basa su un veicolo blindato cingolato dotato di una torretta con un radar di acquisizione del bersaglio montato in alto, un radar di inseguimento frontale e 8 missili 9M330 o 9M331 pronti a sparare, conservati verticalmente tra i due radar. Il missile del TOR-M1 è in grado di ingaggiare bersagli aerei a una distanza di tiro da 100 metri a 12 km e ad altitudini da 10 a 6.000 metri.

I rapporti Grecia-Russia 

Nel 2022 per difendere l’aggressione, il Ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha suscitato allarme in Grecia, quando ha tracciato un parallelo tra i separatisti russi che combattono nella regione ucraina del Donbas e l’etnia turca dell’autoproclamata Repubblica Turca di Cipro del Nord (TRNC), mai riconosciuta da Atene.

“Guardate Cipro. La Repubblica Turca di Cipro del Nord è stata proclamata unilateralmente nel Nord. Si rifiuta di rispettare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma nessuno nega ai rappresentanti di Cipro Nord il diritto di partecipare al dialogo”, ha detto Lavrov, sostenendo che i russi del Donbass avrebbero dovuto avere lo stesso privilegio diplomatico. In seguito a questa dichiarazione, le relazioni russo-greche hanno preso una brutta piega da quando la Grecia ha inviato due aerei da trasporto  carichi di fucili kalashnikov e munizioni all’Ucraina.

In copertina: soldati ucraini

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa-Cina: un disgelo e una gaffe

Incontro promettente aPechino. Ma poi Biden chiama Xi "un dittatore". Taiwan e Cuba restano un problema  

di Maurizio Sacchi Mentre tutto il Mondo guardava con speranza all’incontro fra il Segretario ...

Cina/India: segnali di disgelo

Ma resta tesa la situazione lungo il confine tra i due Paesi dove si continuano a registrare incidenti