Battaglia a Nuova Delhi

La protesta dei musulmani contro le leggi liberticide del governo Modi si trasforma in scontro tra fazioni con morti e feriti. Mentre Trump è ospite del premier

La capitale indiana Nuova Delhi rimane ostaggio delle proteste che per tre giorni consecutivi hanno segnato una nuova fase dal loro inizio in dicembre quando è scattata la protesta contro le iniziative legislative del governo Modi che secondo i musulmani li discriminano. Il bilancio è per ora di almeno 25 morti e decine di feriti. Una moschea nella capitale indiana è stata data alle fiamme mentre la polizia – scrive Al Jazeera che pubblica un video in cui si vede sopra la moschea una bandiera dei nazionalisti indù –  è stata accusata di aiutare i gruppi integralisti che colpivano  i musulmani e le loro proprietà.


Il video di Al Jazeera che riproduciamo contiene immagini violente

E’ stata la terza notte consecutiva di rivolte, con segnalazioni di case e negozi musulmani presi di mira dai gruppi integralisti indù, conferma la Bbc, che descrive le giornate di violenza come le più dure che la capitale indiana abbia visto in decenni. Gli scontri sono scoppiati domenica scorsa tra manifestanti a favore e contro la controversa legge sulla cittadinanza. Il primo ministro di Delhi, Arvind Kejriwal, ha descritto la situazione come “allarmante” e ha chiesto l’intervento dell’esercito.

Il primo ministro Narendra Modi – che ha tratto da una visita di Trump proprio in questi giorni – nuove energie ha lanciato un appello ai manifestanti di Delhi perché mantengano  la calma la pace e la fratellanza: “La pace e l’armonia sono fondamentali per il nostro ethos – riporta l‘HindustanTimes – Faccio appello alle mie sorelle e ai miei fratelli di Delhi affinché mantengano la pace e la fratellanza in ogni momento. È importante che ci sia calma e che la normalità venga ripristinata al più presto”. Ma la situazione resta tesa: all’Alta corte di Delhi un esponente dell’alta burocrazia in pensione –  Harsh Mander – ha presentato una denuncia che chiede che si indaghi sugli episodi di violenza, si agisca contro i colpevoli, si schieri l’esercito e si prenda in considerazione un risarcimento per le vittime.

(Red/Est)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo. In copertina un fotogramma dell’incontro tra Trump e il premier indiano pubblicato sul canale Youtube del premier Narendra Modi nelle foto sopra

Tags:

Ads

You May Also Like

La Turchia, la Nato e l’Italia

Roma ha una missione in territorio turco per la difesa dallo Stato islamico. Ma la richiesta  di un ritiro per far pressioni su Ankara è rimasta solo un proposito

di Emanuele Giordana Nonostante gli accordi tra Ankara e Mosca che, con un’intesa sulla ...

Colombo, la piazza fa dimettere i vertici

La c alma è tornata oggi a Colombo dove ieri una folla gigantesca – ...

In fuga dalle guerre

I conflitti hanno causato nel 2017 oltre 68 milioni di profughi . Il 52% sono bambini. Cosa dice il rapporto annuale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite nella Giornata del internazionale rifugiato

di Lucia Frigo Anche lo scorso anno, come tristemente è avvenuto per i cinque ...