Cinque nuove basi per l’esercito somalo

Accordo tra Mogadiscio e Washington

 In una cerimonia alla presenza dal Presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud, Stati Uniti e Somalia hanno firmato un’intesa per la costruzione di cinque basi militari per la Brigata Danab dell’Esercito nazionale somalo (Sna). Le basi saranno realizzate a Baidoa, Dhusamareb, Jowhar, Kismayo e Mogadiscio. Ne dà notizia la rivista Africa, bimestrale  fondato nel 1922 dai Missionari d’Africa (Padri Bianchi) e 2017 acquisita da Internationalia srl, società editoriale creata e gestita da un gruppo di giornalisti indipendenti specializzati nel continente africano.

Il Presidente somalo – scrive Africa – ha salutato il sostegno come un “contributo significativo agli sforzi del governo per costruire un efficace esercito nazionale in grado di assumersi responsabilità di sicurezza e contrastare la minaccia del terrorismo internazionale nel Paese”. Il presidente ha inoltre sottolineato la fondamentale cooperazione tra Somalia e Stati Uniti nello sviluppo del settore della sicurezza, aggiungendo che “gli investimenti statunitensi nella Sna/Danab hanno dato i loro frutti, alimentando una formidabile forza d’attacco che guida le offensive delle forze di sicurezza somale contro al-Shabaab”. Anche il sottosegretario di Stato per gli affari africani, Molly Phee, era presente per assistere alla firma del protocollo d’intesa.

Dal 2012, quando è stato insediato un nuovo governo sostenuto a livello internazionale, la Somalia – 17 milioni di abitanti su una superficie due volte l’Italia –  si è avviata verso la stabilità, ma le nuove autorità devono ancora affrontare la sfida dei ribelli Al-Shabab allineati ad al-Qaeda. Il Paese, diviso in cinque diverse regioni autonome federate, ha perso con l’ex Somalia britannica (Somaliland) che se ne è staccata nel 1991.

Nell’immagine il Presidente somalo Hassan Sheikh

Tags:

Ads

You May Also Like

Soccorso notturno: 59 naufraghi salvati da RESQ

Nella notte tra il 10 e 11 ottobre 2021, la nave di ResQ - People saving people ha effettuato un soccorso notturno: 59 persone salvate, anche donne e bambini.

Palestina, i giovani e la nonviolenza. Intervista ad Issa Amro

di Federica Ramacci Issa Amro è un giovane palestinese di 32 anni. E’ il ...

Hong Kong, processo agli attivisti

Mentre nove contestatori  rischiano una condanna a sette anni, scoppia un caso legale in Gran Bretagna. E la governatrice dell'ex colonia  denuncia la "doppia morale" dell'Occidente