Coltivare frutti nel Nilo Occidentale

Il progetto di frutticoltura realizzato da Acav coinvolge 1500 piccoli agricoltori della Regione ugandese e 9mila beneficiari indiretti

La frutticoltura come attività utile al sostentamento dei piccoli agricoltori nella regione del West Nile ugandese. Si avvia verso la conclusione il progetto triennale “Wealth Creation Through Fructiculture”, realizzato da ACAV, grazie al supporto della Provincia Autonoma di Trento, che aveva proprio l’obiettivo di aumentare i redditi dei contadini tramite i frutteti. La regione del Nilo Occidentale ha vissuto periodo di forte instabilità a causa di una combinazione di più fattori: etnici, religiosi e politici. L’area è caratterizzata da una forte povertà e un alto indice di migrazione dalle campagne alle città. L’economia dipende dall’agricoltura (80% della popolazione).

Il progetto di Acav, che coinvolge i distretti di Koboko, Maracha, Arua, Nebbi, Zombo, Packwatch, Moyo, Yumbe, Adjumani, è nel suo ultimo anno di attuazione. Un certo numero di agricoltori ha iniziato a registrare i primi guadagni, mentre alcuni agricoltori del distretto di Zombo che hanno ricevuto piantine di mele e hanno già visto nascere i primi frutti e alcuni agricoltori hanno incrementato il proprio reddito.

Le attività del progetto riguardano più ambiti e fasi: informazione, selezione e formazione dei beneficiari, preparazione dei terreni, assistenza tecnica e realizzazione di corsi teorico-pratici per l’apprendimento di tecniche specifiche. I destinatari del progetto sono 1500 piccoli agricoltori (di cui almeno il 60% sono donne o diversamente abili) e 88 tecnici. I beneficiari indiretti, che comprendono le famiglie degli interessati, sono circa 9mila. Il progetto ha avuto e ha anche altri sottobiettivi come la modernizzazione dell’agricoltura, con il passaggio da agricoltura di sussistenza a reddito tramite l’introduzione di colture pluriennali e il rafforzamento dei governo locali per migliorare i servizi offerti alla popolazione.

*In copertina Awadra Teophilus, beneficiario del progetto Wealth Creation Through Fructiculture

Tags:

Ads

You May Also Like

Il conflitto in Etiopia sconfina

Razzi sulla capitale della vicina Eritrea  mentre i combattimenti  tra le truppe governative etiopi e le forze ribelli nella regione settentrionale del Tigrai si estendono oltre i confini nazional

Il senato dice No alle mine a grappolo

E’ stato approvato nel mese di ottobre nella commissione finanze del Senato il decreto ...

Armi nucleari: dove e quante sono

Una mappa interattiva elaborata da Archivio Disarmo IRIAD

Qual è lo “stato di salute” delle armi nucleari? Dove si trovano e quante ...