Filippine/Europa. La Ue contro Duterte

Ma l'ipotesi di un'indagine indipendente sulle malefatte del presidente asiatico si allontana

Il 17 settembre il Parlamento europeo ha  “condannato fermamente” le violazioni dei diritti umani perpetrate dall’amministrazione Duterte e ha invitato gli Stati membri a sostenere la risoluzione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite – che si basa su un dossier pubblicato a maggio dallo stesso Unhrc – per un’indagine internazionale indipendente sulle violazioni commesse dal 2016. La risoluzione del Parlamento è stata adottata da 626 deputati a favore, 7 contrari e 52 astensioni ed esprime “profonda preoccupazione” per il rapido deterioramento della situazione dei diritti umani sotto la presidenza Duterte, specie per le esecuzioni extragiudiziali legate alla cosiddetta guerra alla droga (oltre 8mila).

Cattiva fama. Duterte sul Time: il giustiziere

La Ue chiede in sostanza al capo dello Stato di porre fine alle uccisioni e di sciogliere i gruppi paramilitari privati. In ballo c’è anche una possibile procedura per ritirare la clausola di nazione favorita (il regime GSP+ che garantisce zero dazi alle esportazioni delle Filippine verso la Ue) “in assenza di miglioramenti sostanziali” nella situazione dei diritti umani del Paese. La risoluzione è stata respinta al mittente dall’esecutivo filippino e durante un’audizione alla Camera, il Segretario agli Affari Esteri Teodoro Locsin Jr. ha criticato il Parlamento europeo per aver affrontato “questioni prive di senso” come la chiusura del gigante dei media ABS-CBN, catena televisiva critica col presidente. Secondo il portavoce di Duterte, Harry Roque, la risoluzione si baserebbe su “disinformazioni” alimentate dal Partito Comunista delle Filippine (i cui capi sono in esilio in Europa come rifugiati politici).

Proprio in questo mese, anche la diaspora filippina si è mossa per appoggiare la risoluzione e soprattutto perché dalle parole si passasse ai fatti. Ma la decisione finale delle Nazioni Unite del 7 ottobre scorso per ora non lascia che uno spiraglio aperto. Diversi coordinamenti internazionali (presenti anche in Italia), dal The Europe Network for Justice and Peace in the Philippinese all’ International Coalition for Human Rights in the Philippines, hanno ricevuto una doccia fredda dalla risoluzione del 7 in cui l’Unhrc si limitava a proporre una “cooperazione tecnica” dell’Onu a un’indagine del ministero della giustizia filippina. Stessa musica dal rappresentante residente del Palazzo di Vetro a Manila. Un’indagine che il ministero filippino non ha alcuna intenzione di fare.

In copertina l’emiciclo del Parlamento europeo a Strasburgo

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Iraq, la protesta si espande

Dalla capitale Baghdad le manifestazioni si sono velocemente estese alle città del Sud del Paese provocando morti e circa 4mila feriti

Continuano a mietere vittime le proteste in Iraq. Secondo i dati della commissione diritti ...

Chi guiderà la Cina, via al congresso

Ha preso il via oggi il 19esimo congresso del Partito Comunista Cinese. L’appuntamento è ...

Idlib, la guerra continua

Un attacco aereo compiuto dal governo siriano di Damasco e dalla Russia ha colpito un campo militare filo turco in un'area densamente popolata. L'allarme di Msf

Nella giornata di lunedì 26 ottobre un attacco aereo compiuto dal governo siriano di ...