Golpe a Bamako

I militari maliani hanno arrestato ieri il Presidente ad interim e membri dell'esecutivo

Il Presidente ad interim maliano Bah Ndaw e il suo Primo ministro Moctar Ouane sono stati arrestati lunedi da militari e portati nel campo di Kati, dove lo scorso agosto è iniziato il golpe contro Ibrahim Boubacar Keïta. La composizione del nuovo governo – ricorda Jeune Afrique – era stata appena annunciata quando la situazione a Bamako si è fatta improvvisamente tesa e sono apparsi movimenti di truppe presso il campo militare di Kati, a una quindicina di chilometri da Bamako, nonché in diversi punti della capitale.

In una dichiarazione congiunta, l’ONU e l’Unione Africana hanno chiesto il “rilascio immediato e incondizionato” della leadership civile del Mali e hanno affermato che “la comunità internazionale rifiuta in anticipo qualsiasi atto di coercizione, comprese le dimissioni forzate”. Anche Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e il blocco regionale dell’Africa occidentale noto come ECOWAS hanno firmato la dichiarazione. Fonti diplomatiche e governative hanno riferito alle agenzie di stampa che  Ndaw, Ouane è effettivamente detenuto con altri del suo governo  in una base militare a Kati, fuori dalla capitale, Bamako.

Leggi i dettagli sul sito partner AfricaExpress

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

(Red/Est)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

In copertina: il monumento dell’ospitalità a Bamako

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Milano 20 gennaio 2012

Presso la Biblioteca Valvassori Peroni, Via Valvassori Peroni, 56 (zona Lambrate-Citta’ studi) a Milano alle ore 18. Intervengono gli ...

Sudamerica: sul vaccino cadono tre ministri

In Ecuador, Perù e Argentina si dimettono  i titolari della Sanità. Diseguaglianza e  corruzione anche con i vaccini. Il Brasile tenta di correre ai ripari

Protesta violenta dopo il voto boliviano

Tensione alta e scontri nel Paese dove l'opposizione di Carlos Mesa accusa il vincitore Evo Morales di frode elettorale

In Bolivia la tensione resta alta mentre l’opposizione a Evo Morales, appena eletto al ...