Il caso Madagascar

di Andrea Tomasi

Madagascar non è solo un bel film animato della Dreamworks. Madagascar è corruzione diffusa, violenza, soprusi. I vescovi lanciano l’«allarme» nel Paese, uno stato insulare nell’Oceano Indiano, al largo della costa orientale dell’Africa, di fronte al Mozambico. «Le menzogne ed i furti – si legge in un comunicato – sono arrivati fino ai vertici dello Stato. Anche la sovranità nazionale è stata messa in vendita». Una vera e propria denuncia del «clima di violenza e povertà in cui è precipitata la società», con «la popolazione» lasciata «abbandonata a se stessa e la violenza, le rapine e le esecuzioni». A darne notizia è Radio Vaticana. È la Chiesa del Madagascar a puntare il dito contro la corruzione, ormai più che evidente nella gestione degli affari nazionali: «Le ricchezza naturali – prosegue la nota – vengono sfruttate in modo abusivo, basti citare l’utilizzo illegale del legno di rosa, dell’oro e delle pietre preziose». Questo succede, viene spiegato, perché «alcune leggi specifiche non sono state ancora attuate, creando così confusione nella gestione delle risorse naturali». E ancora: anche «il diritto e i valori della società malgascia vengono abusati e svenduti». C’è chi si arricchisce, mentre «la popolazione viene nutrita di menzogne». Radio Vaticana ricorda che le difficoltà del Paese e la piaga della corruzione erano già state raccontate dai vescovi malgasci. Un messaggio era stato diffuso lo scorso anno: si parlava di una «vera cultura della corruzione». Si denunciavano i brogli elettorali e l’uso, in politica, di dossier illegali, basati spesso su bugie e di arresti ai danni di chi cerca di resistere, fiero della propria libertà». Il «caso Madagascar» è stato raccontato anche in musica dalla poetessa slam Caylah. In questo Paese, racconta l’artista, una donna su tre diventa mamma a 18 anni. «Rivolta, rabbia e disperazione, non c’è niente – scrive il Sole 24 Ore – che l’artista di slam poetry, 22 anni, non denunci. Che sia il governo, la globalizzazione o le violenze contro le donne, Caylah non si tira indietro». Nel suo primo video musicale critica anche il governo malgascio.

 

http://it.radiovaticana.va/news/2016/05/05/vescovi_madagascar_allarme_per_violenze_e_povert%C3%A0_nel_paese/1227603

http://stream24.ilsole24ore.com/video/notizie/in-madagascar-caylah-poetessa-slam-contro-violenza-donne/ADaBakr

https://it.wikipedia.org/wiki/Madagascar

Tags:

Ads

You May Also Like

Una piattaforma on-line per la libertà di stampa

Bella idea quella del’Osservatorio Balcani e caucaso: mappare le violazioni della libertà di stampa ...

Minatori-bambini, l’annuncio di Kinshasa

Per il momento è una promessa, un buon proposito a lungo (molto lungo) termine. ...

Usa-Cina: una nuova Guerra fredda?

Le due superpotenze sono ai ferri corti e, anche al loro interno, devono fare i conti con posizioni più o meni intransigenti. Un'analisi aspettando il nuovo tavolo di trattative

di Maurizio Sacchi Il 24 maggio, dopo l’allarme seminato dal blocco Usa su Huawei ...