Il conflitto in Etiopia sconfina

Razzi sulla capitale della vicina Eritrea  mentre i combattimenti  tra le truppe governative etiopi e le forze ribelli nella regione settentrionale del Tigrai si estendono oltre i confini nazional

Razzi lanciati dall’Etiopia hanno colpito la capitale della vicina Eritrea sostengono fonti diplomatiche citate tra  gli altri da Al Jazeera (da cui e’ tratto il fotogramma in copertina)  mentre i combattimenti  tra le truppe governative etiopi e le forze ribelli nella regione settentrionale del Tigrai si estendono oltre i confini nazionali. Il Tigray People’s Liberation Front (TPLF) ha minacciato di attaccare obiettivi eritrei e  ha accusato il primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed di aver ottenuto il sostegno militare dall’Eritrea.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

ll  governo etiope, che ha ufficialmente accusato le forze locali nella regione del Tigrai di lanciare razzi nella vicina regione dell’Amhara, solleva il timore che altre parti del Paese possano essere coinvolte nella lotta tra il governo centrale e il Tigrai. Migliaia di civili intanto  – scrive Deutsche Welle – sono fuggiti dai combattimenti, molti con storie strazianti alle spalle. Abiy ha lanciato la scorsa settimana una campagna militare contro il Tigrai, dopo aver accusato la leadership locale di aver attaccato le truppe federali con sede nella regione settentrionale che confina con l’Eritrea e il Sudan.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

(Red/Est)

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

L’oro trasparente dell’Asia

di Andrea Tomasi Tutto ricorda la favola di Esopo, con il lupo che se ...

La sfida clima passa da Bonn

I cambiamenti climatici tornano nell’agenda internazionale con un nuovo summit. Dopo Parigi e New ...

Il contagio della svolta autoritaria

Il  pretesto della pandemia mette in pericolo la democrazia in molti Paesi.  E in Europa il modello è guidato dall'Ungheria di Viktor Orban che agisce quasi indisturbato

di Maurizio Sacchi e Salvo Secondini Adottando misure dichiarate “di emergenza”  per affrontare il ...