Il racconto di Konate

La storia di un migrante maliano: la partenza, il carcere libico e il ritorno

di Lucia Michelini

Il Mali è uno dei paesi più poveri dell’Africa sub-sahariana. Giusto per avere un’idea delle condizioni di vita degli abitanti di questo Paese, basta considerare che un insegnante di un liceo privato non guadagna neanche 200.000 fcfa (circa 300 euro) e la percentuale di popolazione che vive in una bidonville in ambito urbano è pari al 47% (Banca Mondiale, 2018).  La mancanza di lavoro, l’instabilità politica e l’insicurezza, spingono molti giovani a partire.  M. Konate, giovane maliano di 25 anni, ci accoglie nel cortile della sua casa. Accanto a lui una donna sta lavando dei panni e una pentola fumante avvisa che è quasi ora di pranzo. Un rivolo d’acqua scura attraversa il cortile, lasciando dietro di sé un odore pesante. Siamo in un quartiere popolare di Bamako, capitale del Mali, e Mohamed è un giovane che dopo aver tentato la via per l’Europa passando per la Libia, dopo molte disavventure ha deciso di fare ritorno a casa. Il ragazzo ci parla della sua storia, in quanto migrante e in quanto rimpatriato volontario: Leggi tutto su Unimondo

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

In copertina: la capitale del Mali Bamako di notte 

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Dietro al fuoco amazzonico

Il "Giorno dei fuochi" e le cause del grande rogo in Brasile

  di Maurizio Sacchi Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha annunciato che non ...

Idlib, medici e civili in piazza

Grandi manifestazioni nella città siriana  contro l'offensiva di Bashar Assad e per chiedere la  protezione internazionale

Medici e infermieri sono scesi in piazza a Idlib per manifestare contro la possibile ...

La fine dell’era Pinochet

Il 25 ottobre il Cile ha deciso, dopo un referendum popolare,  di cambiare la Costiuzione del  1980, voluta e fortemente condizionata dall'ex dittatore. Chi saranno i costituenti?

di Maurizio Sacchi Il 25 ottobre il Cile ha deciso, dopo un referendum popolare,  ...