Italia in missione: dove e perché

L'attentato ad un auto di militari in Somalia riaccende i riflettori sulle presenza di soldati dell'Italia nel mondo. Una panoramica nel prossimo dossier

Un attacco kamikaze contro i militari italiani a Mogadiscio in Somalia ha provocato quattro feriti e due morti fra i civili. A rivendicare l’azione il gruppo islamista al Shabaab che, tramite un portavoce ha riferito: “Abbiamo preso di mira le forze europee con una macchina guidata da un suicida. Daremo più tardi i dettagli”.

L’attentato del gruppo che ha già firmato vari attentati nel Paese, è avvenuto ieri mattina e colpito una macchina dell’Unione europea con la bandiera italiana.L’attentato arriva proprio nel momento in cui l’Italia deve ridiscutere il fondo missioni che sovvenziona le azioni all’estero dei militari nostrani. Il fondo è scaduto infatti il 30 settembre 2018.

Ma dove si trovano oggi le forze armate italiane e in quali azioni sono impegnate? Per fornire una panoramica complessiva l’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo dedicherà all’attività militare italiana all’estero il dossier di martedì 9 ottobre.

Nell’immagine tratta dal sito della Difesa, Bersaglieri del Task Group “Baltic”

Tags:

Ads

You May Also Like

Covid-19: “rischio molto elevato”, ma non (ancora) pandemia

Per l’Oms quelle del coronavirus  sono “epidemie tra loro collegate,” non una pandemia. Intanto sorgono le prime ripercussioni politiche: i rischi per le Olimpiadi di Tokyo 2020, l’incertezza attorno alle elezioni legislative in Corea del Sud, il bando del commercio di animali selvatici in Cina e le difficoltà del turismo internazionale.

di Elia Gerola. Con più di 83 mila casi e quasi 4 mila morti ...

A fuoco le elezioni

In Congo l'incendio del magazzino elettorale rimanda ancora le votazioni da cui sono escluse due aree colpite da ebola e che si oppongono a Kabila

Elezioni infuocate, non solo in senso figurato, quelle nella Repubblica Democratica del Congo. Le ...

500 giornalisti uccisi in 5 anni

La denuncia dell'Unesco: necessaria una convenzione internazionale

Il 2 novembre 2013, i giornalisti francesi Ghislaine Dupont e Claude Vernon vennero rapiti ...