Kiev, una città assediata che resiste

La capitale ucraina si sveglia circondata dalle truppe della Russia che blocca all'Onu la condanna dell'invasione

Mentre Mosca ha reso noto stamani di aver preso di mira infrastrutture militari ucraine con missili da crociera i suoi soldati hanno ormai circondato la capitale ucraina dove si resiste e in cui il Presidente Zelensjky invita la cittadinanza  a combattere con ogni mezzo contro l’invasore russo che non risparmia i bombardamenti. Ieri notte il Presidente Zelensky ha detto nel suo discorso alla nazione che l’obiettivo principale è “mettere fine al bagno di sangue”. “Gli ucraini stanno resistendo eroicamente contro un’aggressione senza giustificazioni “. Ma al momento l’idea di un cessate il fuoco non sembra prendere piede Sarebbero intanto oltre centomila gli ucraini hanno lasciato le loro case secondo le Nazioni Unite.

Secondo l’agenzia Interfax il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato che sia immediatamente fornita all’Ucraina assistenza militare per un valore di 600 milioni di dollari. La Casa Bianca ha chiesto al Congresso oltre 6 miliardi di dollari per assistere il Paese assediato. La metà di questi fondi servirebbero per aiuti umanitari e l’altra metà andrebbe alla Difesa americana perché il Pentagono ne possa disporre per aiutare Kiev e il Governo Zelensky.

La Russia intanto ha bloccato ieri con il veto la bozza di risoluzione in Consiglio di Sicurezza Onu – presentata da una serie di Paesi con capofila gli  Usa  – che “deplora l’aggressione di Mosca dell’Ucraina” e chiede il ritiro delle sue truppe. Nel testo elaborato  come bozza era stato sostituito il termine “condanna” con “deplora” proprio per tentare di ottenere il consenso maggiore possibile. Ma ovviamente Mosca ha posto il veto. Il testo ha ottenuto 11 voti a favore, il veto russo, e tre astensioni tra cui quella della Cina che ha intanto attivato il piano di evacuazione dei connazionali presenti in Ucraina.

In copertina un caccia Sukhoi russo 

Aggiornato alle 9.50 del 26/2/2022

Tags:

Ads

You May Also Like

Una fragile tregua

Tra Israele e Palestina non si ferma la tensione mentre nello Stato Ebraico si insedia il nuovo Governo e un appello chiede le dimissioni di Abu Mazen

L'uragano Matthew (foto da shawglobalnews)

Matthew e i rifugiati non riconosciuti

Ad Haiti oltre un milione e 400mila persone hanno bisogno di urgente assistenza sanitaria. ...

Vaccini, Africa e zanzare

di Ilario Pedrini Il gigante dell’informatica e il gigante della farmaceutica insieme. La Fondazione ...