Kurdistan Occidentale. Ayse Gokkan: “Non vogliamo questo embargo”

di F.R.
Ayse Gokkan e’ il sindaco di Nusaybin, citta’ curda al confine tra Turchia e Siria.
Solo una frontiera di filo spinato e mine separa Nusaybin dalla sua estensione , Qamishlo, capoluogo del Kurdistan occidentale (la regione siriana che i curdi chiamano Rojava ). Nel Kurdistan siriano e’ in corso una grave crisi umanitaria.
Tutti i valichi di confine tra la Turchia e la Siria sono chiusi agli aiuti umanitari e al transito di civili. La popolazione di Rojava vive di fatto sotto embargo, mancano soprattutto medicinali, acqua potabile, elettricita’, latte per i bambini.
Da settimane Ayse Gokkan tenta di fare pressione sulle autorita’ turche e siriane per permettere l’invio di aiuti umanitari dal valico di Qamishlo. Ad oggi pero’, la frontiera, dove abbiamo raccolto questa intervista, e’ chiusa da due mesi per volere del governo di Damasco. Ferme lungo il confine anche due ambulanze donate dal governo svedese.
Il sindaco di Nusaybin e il BDP (Partito curdo per la Pace e la Democrazia che ha eletto rappresentanti nel Parlamento turco) chiedono inoltre alla Turchia l’apertura agli aiuti umanitari dal valico di Derbasiye.

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Ezln contro il Covid-19

l’Ejercito Zapatista de Liberación Nacional si isola. Ma la sua lotta va avanti

di Carlotta Zaccarelli L’organo direttivo dell’Ejercito Zapatista de Liberación Nacional ha annunciato le misure straordinarie ...

Il dramma del Sudan

I morti salgono a 165. E milioni  sono i profughi

di Raffaele Crocco Confusione: il termine corretto sarebbe questo se non fosse eccessivamente blando ...

Al via il muro tra Polonia e Bielorussia

Verrà costruito in 4 segmenti che si andranno a unire in due sezioni lunghe 100 e 80 km. Proteste degli attivisti locali

di Valentina Ochner A partire dal 25 gennaio scorso sono iniziati i lavori di ...