La condanna Onu al Myanmar

Sette esperti delle Nazioni Unite si sono riuniti per invitare il governo del Myanmar a fermare tutte le violenze contro la comunità Rohingya e la continua persecuzione e le gravi violazioni dei diritti umani che l’Alto Commissario per i diritti dell’uomo ha descritto come ‘un esempio evidente di etnia pulizia’.

L’annuncio arriva un mese dopo gli attacchi a Rakhine State contro 30 avamposti di polizia e la sede del reggimento nel villaggio di Taungala e le successive operazioni di repressione.

“Sono state rivolte – hanno riferito gli esperti Onu – accuse credibili di gravi violazioni dei diritti umani e di abusi commessi contro la Rohingya, inclusi gli omicidi extragiudiziali, l’uso eccessivo della forza, la tortura e il maltrattamento, la violenza sessuale e la violenza di genere, lo spostamento forzato, la distruzione di oltre 200 villaggi di Rohingya e decine di migliaia di abitazioni “.

“Capiamo che il consigliere di Stato Aung San Suu Kyi nel suo briefing diplomatico del 19 settembre ha incoraggiato la comunità internazionale a studiare insieme al governo di Myanmar le possibili ragioni dietro l’attuale esodo dal Myanmar al Bangladesh”, hanno detto gli esperti, osservando che circa 430.000 persone avevano riferito di essere arrivate in Bangladesh nelle ultime settimane.

Gli esperti hanno sottolineato: “Nessuno sceglie, specialmente non centinaia di migliaia, di lasciare le proprie case e le terre ancestrali, non importa quanto siano povere le condizioni, e di fuggire in una terra straniera per vivere sotto fogli di plastica e in gravi circostanze tranne che se ci si sente a rischio della vita. Nonostante la violenza perpetrata dall’Arcanian Army Salvation Army (ARSA), l’intera popolazione Rohingya non dovrebbe pagare il prezzo.

“Chiediamo a Aung San Suu Kyi di incontrare personalmente i Rohingya nello Stato Rakhine e nel Bazar di Cox per parlare con coloro che sono fuggiti, così come coloro che sono rimasti, come afferma che il governo del Myanmar è interessato a fare”.

Gli esperti hanno inoltre osservato che anche la commissione consultiva Rakhine, nominata dal governo, guidata dall’ex segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, aveva concluso nella sua relazione finale che “la prolungata apolidia e la profonda discriminazione hanno reso la comunità musulmana [Rohingya] particolarmente vulnerabile alle violazioni dei diritti umani” . Ha anche rilevato che i governi successivi dall’indipendenza, in particolare dopo il colpo di stato militare del 1962, “avevano adottato misure giuridiche e amministrative che hanno progressivamente eroso i diritti politici e civili delle comunità musulmane nello Stato Rakhine”.

“Anche se è lodevole che il governo sembri intenzionato ad attuare le raccomandazioni della Commissione, inclusi quelli relativi ai diritti di cittadinanza di Rohingya, sarà in gran parte inutile ora che le forze militari e di sicurezza di Myanmar hanno cacciato quasi la metà della popolazione dei Rohingya del Rakhine settentrionale e che il governo ha indicato che possono tornare solo se hanno la prova della loro nazionalità. Inoltre, a causa della bruciatura di massa dei villaggi di Rohingya, non c’è più casa per molti”, hanno detto gli esperti.

“Siamo altrettanto allarmati dall’accettazione apparente del governo nell’incitazione dell’odio, nelle intimidazioni e negli attacchi contro le famiglie di Rohingya da parte di altri gruppi etnici e religiosi. Tutte le violenze rivolte alla popolazione generale, inclusi gli sfollati interni, devono immediatamente cessare “, hanno sottolineato gli esperti.

“Il Myanmar dovrebbe fornire un accesso umanitario ininterrotto alle organizzazioni internazionali per assistere decine, se non centinaia, di migliaia di sfollati internamente nello Stato Rakhine. Dovrebbe ulteriormente garantire l’accesso pieno e libero ai diritti umani, inclusa la missione di ricerca di esperti esterni per una valutazione indipendente e imparziale della situazione sul posto.

“Il governo del Myanmar dovrebbe cooperare con tutte le organizzazioni internazionali di aiuto, piuttosto che accusarle di sostenere il terrorismo nei loro sforzi per rispettare le loro responsabilità per fornire aiuti umanitari e assistenza alle popolazioni in difficoltà”, hanno aggiunto.

“Gli Stati membri delle Nazioni Unite devono andare oltre le dichiarazioni e iniziare ad adottare azioni concrete per arrestare le forze militari e di sicurezza per evitare di portare a compimento il cosiddetto “lavoro incompiuto “, ovvero sbarazzarsi della minoranza di Rohingya dello Stato Rakhine”, hanno concluso gli esperti.

Note:
I relatori speciali fanno parte del cosiddetto Special Procedures del Consiglio dei diritti umani. Special Procedures, il più grande gruppo di esperti indipendenti del sistema delle Nazioni Unite per i diritti umani, rappresenta l’ente che racchiude i meccanismi indipendenti di monitoraggio. In Special Procedures operano esperti dei diritti umani indipendenti, nominati dal Consiglio dei diritti umani per affrontare situazioni specifiche del paese o determinati temi in tutte le parti del mondo. Non sono funzionari delle Nazioni Unite e sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione. Servono nella loro capacità individuale e non ricevono alcuno stipendio per il loro lavoro.

Tags:

Ads

You May Also Like

Myanmar: il ritorno dell’uomo forte (aggiornato)

Colpo di stato nella notte. Arrestata Aung San Suu Kyi e i leader della Lega. I militari prendono il potere. Coprifuoco dalle 20 alle 6 del mattino

di Emanuele Giordana Mentre blindati e mezzi armati dell’esercito pattugliano i centri nevralgici di ...

Un Paese prigione per Aung San Suu Kyi

L'ex premier de facto del Myanmar condannata a 4 anni nella prima sentenza a suo carico. Su di lei pendono una decina di accuse che possono costarle l'ergastolo

La magistratura della capitale del Myanmar ha condannato a quattro anni di carcere la ...

Siria, l’Isil fa ancora paura

L'attacco alla prigione di Sinaa, nel Nord Est, ha messo in luce che il gruppo terroristico è ancora attivo e si sta riorganizzando

“Una tragedia prevedibile che mette in luce la necessità di un’azione internazionale urgente”. Così ...